uova
uova

Uova, l'etichetta virtuosa per tutelare i consumatori

Il Movimento 3 Stelle in Puglia solleva la questione in Commissione Agricoltura del consiglio regionale

In occasione della giornata mondiale delle uova, celebrata ad Expo da Coldiretti, il M5S torna a chiedere che l'etichetta virtuosa di questo prodotto alimentare, in cui vengono indicati l'origine e il tipo di allevamento, venga estesa anche ad altri prodotti alimentari che attualmente omettono queste informazioni ritenute dai 5 Stelle fondamentali per la tutela del consumatore ed il benessere animale.

"Grazie al sistema di etichettatura delle uova, infatti, oggi possiamo sapere se quelle che acquistiamo provengono da galline allevate a terra o in gabbia ed è stato così possibile indirizzare anche le scelte dei consumatori verso sistemi di produzione più sostenibili – commenta il deputato pugliese Giuseppe L'Abbate, capogruppo M5S in Commissione Agricoltura – È fondamentale, dunque, che questa trasparenza venga estesa anche ai prodotti trasformati che usano uova, ad esempio i dolci, e alle carni attualmente escluse come quella di coniglio. Non si tratta solamente di una questione etica nel rispetto degli animali ma anche della salute del consumatore e della sua libertà di scelta".

L'Italia è uno dei principali produttori di uova in Europa al punto che nei negozi e nei supermercati del territorio nazionale è quasi impossibile trovare uova fresche provenienti da altri Paesi, tuttavia ne vengono importate annualmente grandi quantità per la produzione di alimenti contenenti uova. Secondo i dati Eurostat, ogni anno l'Italia importa oltre 50 milioni di tonnellate di uova e ovoprodotti dalla Polonia, quasi 20 milioni dalla Spagna, 6 milioni dall'Olanda e poi da Romania, Francia, Slovacchia e persino Ucraina.

"Per questo ci sembra importante tutelare il più possibile il consumatori finale e, quindi, le produzioni nazionali, sulle quali i controlli sono efficaci – continua L'Abbate (M5S) – Al contempo, ho presentato in Commissione Agricoltura una ulteriore risoluzione per rivedere la normativa in materia di commercializzazione delle uova extra fresche così da sostenere, nel rispetto della disciplina comunitaria, la vendita di questa tipologia di uova presso i rivenditori locali esclusivamente nell'ambito dei circuiti di filiera corta. Un incentivo ai piccoli produttori a 'chilometro utile' in grado di alimentare un mercato locale a beneficio dell'ambiente e del consumatore finale nonché – conclude il deputato 5 Stelle – creandosi nuovi sbocchi commerciali sinora preclusi dalla burocrazia".
  • consiglio regionale
  • bari
  • uova
Altri contenuti a tema
Ecco come sarà il nuovo Consiglio regionale della Puglia: tutti gli eletti Ecco come sarà il nuovo Consiglio regionale della Puglia: tutti gli eletti Dentro Paolicelli, Parchitelli e Laricchia. Fuori Nunziante, Bavaro, Spaccavento e Allegretti
La doppia preferenza di genere si arena in Consiglio regionale La doppia preferenza di genere si arena in Consiglio regionale Sembra inevitabile l'intervento del Governo
Le uova di cioccolato contro la leucemia Le uova di cioccolato contro la leucemia Fino al 2 aprile, un piccolo gesto per combattere una terribile malattia
Decapitato il clan Strisciuglio, maxi operazione a Bari e nel barese Decapitato il clan Strisciuglio, maxi operazione a Bari e nel barese Il potente clan sta espandendosi in una zona che comprende anche Terlizzi
Cioccolatini per una borsa di studio all'Oncologico di Bari Cioccolatini per una borsa di studio all'Oncologico di Bari L'iniziativa dell'onlus terlizzese "Maria Ruggieri"
Giustizia, aumentano i casi di femminicidio nel distretto di Bari Giustizia, aumentano i casi di femminicidio nel distretto di Bari Ieri la cerimonia di inaugurazione del nuovo anno giudiziario
Mille borse di studio all'Università di Bari Mille borse di studio all'Università di Bari Le domande solo in via telematica
Ospiti di Paolo Bonolis? Le selezioni arrivano a Bari Ospiti di Paolo Bonolis? Le selezioni arrivano a Bari La trasmissione "Ciao Darwin" cerca tipi "speciali"
© 2001-2020 TerlizziViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TerlizziViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.