Il Consiglio regionale della Puglia
Il Consiglio regionale della Puglia
Politica

La doppia preferenza di genere si arena in Consiglio regionale

Sembra inevitabile l'intervento del Governo

L'istituto della doppia preferenza di genere nel sistema elettorale pugliese non è stato approvato dal Consiglio regionale della Puglia, convocato a partire dal pomeriggio di martedì 28 luglio fino a notte inoltrata, quando la mancanza del numero legale ha determinato lo scioglimento della riunione. Le diverse assenze tra i banchi della maggioranza di centrosinistra sono risultate decisive per la conclusione anticipata dell'ultima seduta della legislatura.

L'assemblea ha invece deliberato - a scrutinio segreto - un emendamento presentato da Mario Conca (ex 5 Stelle, ora candidato alla presidenza) e Domenico Damascelli (Forza Italia) finalizzato alla modifica delle cause di ineleggibilità con l'aggiunta dei «soggetti nominati a qualunque titolo nella task force della Regione Puglia, che siano alle dirette dipendenze della stessa o che abbiano stipulato contratti di consulenza o collaborazione». Il provvedimento è passato con 28 voti favorevoli e 19 contrari. Diretta conseguenza dell'approvazione è l'ineleggibilità dell'epidemiologo Pierluigi Lopalco, che perciò non potrà candidarsi alle elezioni del 20 e 21 settembre.

Quanto alla doppia preferenza di genere, gli oltre 1950 emendamenti presentati hanno di fatto bloccato i lavori. La proposta dell'andriese Nino Marmo, capogruppo forzista, di ritiro degli emendamenti con approvazione immediata, conferma del rapporto 60-40 tra i due generi nelle liste e mantenimento della sanzione per i contrassegni non in regola con inasprimento a decorrere dalla successiva legislatura non è stata neppure discussa. E il dem Paolo Campo ha commentato: «Piuttosto che stare qui a discutere del nulla è meglio affidarsi a quanto deciderà il Governo».

Sembra inevitabile, a questo punto, un intervento diretto del primo ministro Giuseppe Conte.
  • consiglio regionale
  • Doppia preferenza di genere
Altri contenuti a tema
Ecco come sarà il nuovo Consiglio regionale della Puglia: tutti gli eletti Ecco come sarà il nuovo Consiglio regionale della Puglia: tutti gli eletti Dentro Paolicelli, Parchitelli e Laricchia. Fuori Nunziante, Bavaro, Spaccavento e Allegretti
Regionali, Conte su preferenza di genere: «Nessun rinvio delle elezioni» Regionali, Conte su preferenza di genere: «Nessun rinvio delle elezioni» Ieri il Premier è stato in visita a Cerignola per il Legalitour
Puglia commissariata per la doppia preferenza di genere Puglia commissariata per la doppia preferenza di genere Il Consiglio dei Ministri ha dato mandato al prefetto di Bari di apporre la modifica alla legge elettorale in vista delle votazioni di settembre
Doppia preferenza di genere, Gemmato attacca Emiliano. Laricchia contro tutti Doppia preferenza di genere, Gemmato attacca Emiliano. Laricchia contro tutti Il parlamentare terlizzese: «Se davvero vuol esser difensore delle donne, lo dimostri». La candidata 5 Stelle: «Centrosinistra fuggita dall'aula per salvare Lopalco. Centrodestra inconsistente»
Uova, l'etichetta virtuosa per tutelare i consumatori Uova, l'etichetta virtuosa per tutelare i consumatori Il Movimento 3 Stelle in Puglia solleva la questione in Commissione Agricoltura del consiglio regionale
Regionali 2015, nessun terlizzese. Ecco come sarà il nuovo consiglio regionale Regionali 2015, nessun terlizzese. Ecco come sarà il nuovo consiglio regionale Gemmato, oltre 3.100 preferenze ma il suo partito non supera lo sbarramento. Bene de Nicolo.
© 2001-2020 TerlizziViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TerlizziViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.