Un agricoltore
Un agricoltore

In Puglia crac per i prezzi delle angurie

L'allarme di Coldiretti: persi numerosi ettari di frutteto

Crollo verticale dei prezzi di vendita delle angurie e dei meloni gialli in provincia di Lecce, Brindisi e Taranto, a causa delle importazioni massicce di prodotto straniero, soprattutto da Egitto, Tunisia, Spagna e Grecia e delle conseguenti distorsioni del mercato – denuncia Coldiretti Puglia – per cui le aziende agricole non riescono neppure a coprire i costi di produzione e per effetto del maltempo che si sta abbattendo sul nord Italia e in Europa che raffredda i consumi di frutta stagionale.

"Nelle province di Lecce, Brindisi e Taranto le quotazioni di angurie e meloni gialli sono crollate vertiginosamente. Mentre cresce l'inflazione, nei campi è deflazione", incalza il Presidente di Coldiretti Puglia, Gianni Cantele. "Il mercato è al tracollo, con le angurie pagate in campagna 5/6 centesimi al chilo e i meloni gialli non superano i 20 centesimi. Gli agricoltori non si vedono neppure riconosciuti i costi di produzione e in alcuni casi non è conveniente raccogliere, mentre i prezzi di vendita al consumo subiscono la solita decuplicazione a danno dei consumatori".
Eppure da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati Istat sull'andamento dei prezzi, continua a crescere l'inflazione e a spingere il carrello della spesa sono proprio gli aumenti dei prodotti alimentari rispetto allo scorso anno, dalla verdura (+4,8%) alla frutta (+7,9%), un fenomeno in controtendenza con l'andamento dei prezzi in campagna.

"Serve un impegno di filiera per salvare il frutteto pugliese che in 10 anni dal 2006 al 2016 si è ridotto del 15% – denuncia ilDirettore di Coldiretti Puglia, Angelo Corsetti – perdendo oltre 8mila ettari. Occorre aumentare i controlli sull'ortofrutta fresca di importazione, spesso etichettata e spacciata per pugliese ed estendere al più presto l'obbligo di indicare in etichetta la provenienza della frutta trasformata in conserve e succhi, per evitare che venga spacciata come Made in Italy quella importata dall'estero".
Pratiche commerciali sleali lungo la filiera stanno provocando situazioni di crisi diffuse per i produttori di frutta estiva – sottolinea Coldiretti Puglia – che chiede interventi per prevenire e perseguire tali pratiche. Unico strumento degli agricoltori per difendersi dalle speculazioni è la vendita diretta, come ad esempio nei Mercati di Campagna Amica dove possono vendere ortaggi e frutta ad un prezzo equo sia per i produttori che per i consumatori.
  • coldiretti
Altri contenuti a tema
Coldiretti: la Puglia spende solo 1l 16% dei fondi europei Coldiretti: la Puglia spende solo 1l 16% dei fondi europei La denuncia dell'organizzazione di categoria sulla base dei dati sullo stato di avanzamento della spesa del PSR
Coldiretti: Savino Muraglia nuovo presidente di Coldiretti Bari-Bat Coldiretti: Savino Muraglia nuovo presidente di Coldiretti Bari-Bat In cima alle battaglie di Coldiretti Bari e BAT la lotta alla criminalità nelle campagne e l'alleggerimento della macchina burocratica,
Quarto anno più caldo di sempre, Puglia a rischio desertificazione Quarto anno più caldo di sempre, Puglia a rischio desertificazione L'allarme di Coldiretti sui rischi in agricoltura
Il clima tropicalizzato provoca danni alla colture Il clima tropicalizzato provoca danni alla colture L'allarme di Coldiretti
Maltempo e bombe d'acqua, ancora danni per l'agricoltura in tutta la Puglia Maltempo e bombe d'acqua, ancora danni per l'agricoltura in tutta la Puglia Coldiretti chiede l'intervento del Governo e della Regione
Agricoltura e giovani, solo mille su cinquemila i progetti finanziati dalla Regione Agricoltura e giovani, solo mille su cinquemila i progetti finanziati dalla Regione Dopo Marcello Gemmato anche Coldiretti chiede di concentrare le risorse sui giovani
Sacchi di rifiuti nelle campagne: triste primato per tutta la Puglia Sacchi di rifiuti nelle campagne: triste primato per tutta la Puglia I dati di Coldiretti evidenziano un fenomeno diffuso in tutta la regione
Per la tavola di Natale si spendono 94 euro a famiglia, in aumento rispetto all'anno scorso Per la tavola di Natale si spendono 94 euro a famiglia, in aumento rispetto all'anno scorso Lo spumante si conferma come il prodotto immancabile per nove italiani su dieci (90%)
© 2001-2018 TerlizziViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TerlizziViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.