Savino Muraglia presidente Coldiretti Puglia
Savino Muraglia presidente Coldiretti Puglia

Xylella e vivai, ancora nessuna risposta dalla Regione Puglia

Coldiretti: «La burocrazia continua a mietere più vittime delle calamità in Puglia con il solito rimpallo di responsabilità»

Mancano ancora le linee guida per consentire in deroga la movimentazione delle piante specificate, sensibili alle differenti sottospecie di Xylella, denuncia Coldiretti Puglia, quindi le domande giacciono inevase perché dopo 5 anni le procedure non ci sono.

"La burocrazia continua a mietere più vittime delle calamità in Puglia con il solito rimpallo di responsabilità, mentre le prescrizioni a carico dei vivai disegnano uno scenario militarizzato che prevede telecamere, sistema informatico per impedire l'apertura contemporanea delle porte, sirene che ne debbano segnalare la mancata chiusura, oltre alle trappole cromotropiche per la sputacchina. Tutto ciò è imposto all'interno di serre e vivai, mentre all'esterno gli ulivi infetti continuano a campeggiare nelle campagne in balia della sputacchina", denuncia il presidente di Coldiretti Puglia, Savino Muraglia.

Oggi è prevista una riunione ristretta del Coordinamento Nazionale delle Emergenze Fitosanitarie, rivela Coldiretti Puglia, che ha avuto la bozza di linee guida dall'Osservatorio fitosanitario regionale il 29 gennaio scorso e analizzerà la situazione della Puglia e della Toscana, dove è stata certificata la presenza della Xylella Fastidiosa delle due sottospecie Pauca (quella pugliese) e Multiplex (quella toscana).

"I vivaisti salentini, almeno quelli che sono riusciti a sopravvivere, hanno dovuto dedicarsi al giardinaggio o alle sole piante non specificate – tuona ilpresidente dell'Associazione Nazionale dei Vivaisti Esportatori, Leonardo Capitanio – ma è paradossale che la burocrazia ci debba costringere ad abbandonare la produzione di piante storiche e tradizionali della Puglia. Non ci stiamo. Siamo i primi a voler produrre in sicurezza, ma ci devono mettere in condizione di farlo. Siamo stati costretti addirittura a delocalizzare gli impianti, ma l'Osservatorio fitosanitario non sta rilasciando più neppure il registro dei passaporti per la movimentazione delle piante fuori dalle aree delimitate. Siamo al paradosso".

Una delle richieste avanzate da Coldiretti Puglia al Piano Centinaio è di prevedere, oltre alla eventuale misura di sostegno alle aziende vivaistiche dell'area delimitata, che venga autorizzata la produzione e la vendita, esclusivamente nelle aree infette, con opportuni strumenti di rintracciabilità, oltre alle piante specificate anche le piante ospiti riconosciute, o in via di riconoscimento da parte di avvalorati studi scientifici, resistenti o immuni alla Xylella Fastidiosa.


  • coldiretti
  • xylella
Altri contenuti a tema
Le associazioni agli enti pubblici: «Solo 10 giorni per i trattamenti anti-Xylella» Le associazioni agli enti pubblici: «Solo 10 giorni per i trattamenti anti-Xylella» L'Amministrazione di Terlizzi spronata ad operare in fretta per scongiurare il proliferare della "sputacchina"
Xylella, La Corrente: «Comune di Terlizzi promuova iniziative per divulgare buone pratiche» Xylella, La Corrente: «Comune di Terlizzi promuova iniziative per divulgare buone pratiche» Una nota del movimento civico pone l'attenzione sull'importanza della prevenzione nella diffusione del vettore
La Xylella avanza: le richieste di Oliveti Terra di Bari La Xylella avanza: le richieste di Oliveti Terra di Bari Si punta a sensibilizzare ulteriormente gli agricoltori, coinvolgendo i comuni. Importanti le arature obbligatorie ed trattamenti fitosanitari
Oliveti Terra di Bari chiede chiarezza sul focolaio di Xylella nella Bat Oliveti Terra di Bari chiede chiarezza sul focolaio di Xylella nella Bat Sicolo: «Istituzioni dispongano interventi drastici per salvare il più grande patrimonio olivicolo mondiale»
Xylella a Canosa: Coldiretti Puglia mette sotto accusa barriere "colabrodo" Xylella a Canosa: Coldiretti Puglia mette sotto accusa barriere "colabrodo" In apprensione il comparto olivicolo terlizzese e di tutto il Nord Barese, tra i maggiori produttori oleari in Italia
1 Xylella, focolaio in un vivaio di Canosa. In allerta il comparto olivicolo di Terlizzi Xylella, focolaio in un vivaio di Canosa. In allerta il comparto olivicolo di Terlizzi Spagnoletti Zeuli: «Si può circoscrivere, Regione Puglia non perda tempo»
Xylella, la sputtachina percorre fino a 400 metri Xylella, la sputtachina percorre fino a 400 metri Il risultato di uno studio condotto dalle Università di Torino e di Brescia, il CRSFA di Locorotondo e l'IPSP del CNR di Bari e Torino
Lezioni contadine dal campo al web: ecco l'agrididattica a distanza Lezioni contadine dal campo al web: ecco l'agrididattica a distanza Coldiretti Puglia: «Resta garantita l'attività nelle 300 masserie di campagna che mettono a disposizione ampi spazi all'aperto»
© 2001-2021 TerlizziViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TerlizziViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.