La Direzione Investigativa Antimafia
La Direzione Investigativa Antimafia
Cronaca

«Alcuni referenti del clan Capriati opererebbero a Terlizzi»

La relazione dell'Antimafia al Parlamento: «Il clan estende la sua sfera di influenza servendosi di fidati referenti»

«I gruppi criminali che fanno riferimento al clan Capriati nella provincia di Bari sono stanziati nei comuni di Bitonto, Triggiano Putignano, Noci, Turi, Castellana Grotte, Monopoli, Alberobello e di Conversano. Alcuni referenti opererebbero a Modugno, Giovinazzo, Terlizzi, Corato, Palo del Colle, Molfetta e a Mola di Bari».

È quanto rimarca la relazione della Direzione Investigativa Antimafia relativa al semestre da gennaio a giugno 2023 nel capitolo dedicato al fenomeno criminale delle mafie pugliesi. «Lo scenario mafioso pugliese - si legge nel documento ufficiale - è costituito da una varietà di organizzazioni criminali, per lo più autonome, caratterizzate da un accentuato dinamismo, tradizionalmente distinto in tre fattispecie mafiose: la camorra barese, le mafie foggiane e la sacra corona unita».

Per gli inquirenti dell'Antimafia «la camorra barese è contraddistinta da una pluralità di clan che, come nel modello camorristico napoletano, operano in completa autonomia, sebbene si assiste a violenti conflitti finalizzati ad affermare la supremazia di un determinato sodalizio. Il traffico di stupefacenti - rileva la Direzione Investigativa Antimafia - si conferma il principale interesse delle consorterie del capoluogo barese che gestiscono direttamente anche le modalità di spaccio».

Non solo: «La criminalità organizzata del capoluogo - si legge ancora -, dedita pure al contrabbando, alle estorsioni, all'usura e alle scommesse illecite, mediante forme sempre più complesse di riciclaggio si dimostra capace di insinuarsi nel tessuto economico sano». Quattro i clan egemoni a Bari, per lo più corrispondenti ad altrettanti gruppi mafiosi storicamente radicati in città, con ramificazioni nella provincia: i Capriati, gli Strisciuglio, i Parisi-Palermiti ed i Diomede-Mercante.

Per l'Antimafia «le complesse dinamiche criminali che caratterizzano Bari si riverberano, inevitabilmente, sui precari equilibri mafiosi della provincia. Le proiezioni degli interessi criminali generano un perdurante stato di fibrillazione in provincia. Le maggiori organizzazioni criminali di Bari estendono la loro sfera di influenza nella provincia servendosi di fidati referenti ovvero ricorrendo alla affiliazione di soggetti apicali di gruppi delinquenziali di stanza nei singoli comuni», è scritto.

Fra questi, «i gruppi criminali che fanno riferimento al clan Capriati nella provincia di Bari sono stanziati nel comune di Bitonto, nel comune di Triggiano - rivela l'Antimafia - nonché nei comuni di Putignano, Noci, Turi, Castellana Grotte, Monopoli, Alberobello e Conversano. Alcuni referenti opererebbero anche a Modugno, Giovinazzo, Terlizzi, Corato, Palo del Colle (ove sembrerebbe subire l'egemonia del clan Strisciuglio e la presenza dei Cipriano), Molfetta e, infine, Mola di Bari».

Proprio a Terlizzi «il 22 marzo 2023, i Carabinieri di Bari hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro dei beni a carico di un soggetto (Roberto Dello Russo) ritenuto referente del clan Capriati» a Terlizzi. «Le indagini hanno consentito di ricostruire il patrimonio del soggetto (condannato a 20 anni nel blitz "Anno Zero"), costituito prevalentemente da beni intestati fittiziamente a terze persone e accumulato nel corso degli anni con il reimpiego dei proventi delle attività illecite».

«Il provvedimento ablatorio - ha spiegato l'Antimafia - ha riguardato beni mobili, immobili, conti correnti e compendi aziendali (fra cui un appartamento, una villa e due ampi capannoni), per un valore complessivo di circa 20 milioni di euro, tutti fittiziamente intestati a vari soggetti appartenenti alla propria sfera familiare».
  • Clan Capriati Terlizzi
Altri contenuti a tema
«A Terlizzi è radicata l'operatività dei Capriati e Diomede-ex Mercante» «A Terlizzi è radicata l'operatività dei Capriati e Diomede-ex Mercante» Pubblicata la nuova relazione dell'Antimafia: in evidenza anche «i due sequestri di beni ad elementi di spicco del clan Dello Russo»
«A Terlizzi emergerebbe l'operatività dei Capriati e Diomede-ex Mercante» «A Terlizzi emergerebbe l'operatività dei Capriati e Diomede-ex Mercante» Lo sostiene l'Antimafia anche se «tali presenze non escluderebbero il radicamento, nello stesso territorio, di altre strutture criminali»
«Tra gli obiettivi di colonizzazione dei Capriati rientrerebbe Terlizzi» «Tra gli obiettivi di colonizzazione dei Capriati rientrerebbe Terlizzi» Lo afferma l'Antimafia nella relazione, riferita al secondo semestre 2021, inviata al Parlamento
«Qualificati referenti dei Capriati si ritrovano a Terlizzi» «Qualificati referenti dei Capriati si ritrovano a Terlizzi» Lo scrive l'Antimafia nella relazione semestrale al Parlamento. Presenti anche «referenti dei Mercante-Diomede»
A Terlizzi «opera il clan Dello Russo, contiguo ai Conte di Bitonto» A Terlizzi «opera il clan Dello Russo, contiguo ai Conte di Bitonto» Lo afferma l'Antimafia evidenziando come il clan terlizzese, per il tramite dei Conte, «sarebbe riconducibile ai Capriati»
Clan Capriati: confermate 22 condanne Clan Capriati: confermate 22 condanne La sentenza della Corte d'Appello: confermata la pena a 20 anni per Filippo Capriati
A Terlizzi «oltre a referenti del clan Capriati operano i Dello Russo» A Terlizzi «oltre a referenti del clan Capriati operano i Dello Russo» È lo scenario stilato nella relazione della Direzione Investigativa Antimafia riferita al secondo semestre del 2019
Operazione "Pandora": chiesti 14 anni e 8 mesi per Gioacchino Baldassarre Operazione "Pandora": chiesti 14 anni e 8 mesi per Gioacchino Baldassarre L'uomo è ritenuto fra i capi dei clan Diomede-Mercante e Capriati. Nel processo si è costituito parte civile anche il Comune di Terlizzi
© 2001-2024 TerlizziViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.