rifiuti
rifiuti
Attualità

Tassa rifiuti, mazzata che vale +20%

Il Pd aveva proposto di spalmare la Tari al 2016

Si vivono giornate difficili presso gli sportelli tributi del comune e i borbottii sono la colonna sonora che fa da accompagnamento. Al disagio delle lunghe file, si aggiunge infatti la beffa di una tassa rifiuti aumentata quest'anno quasi del 20 per cento. Se, infatti, per l'anno 2014 la Tari per un'abitazione di 80 metri quadri ammontava a circa 207 euro, quest'anno la tassa sui rifiuti è salita a circa 240 euro. La mazzata fiscale ha colpito tutte le utenze, non solo quelle domestiche: per gli esercizi commerciali si passa da 10,79 euro al metro quadro a 12,89 euro; per gli studi professionali da 6,53 a 7,80 euro; per le attività industriali da 15,31 a 18,29 euro e così via.

«L'amministrazione non ha discrezionalità nella scelta di questa tassa — aveva spiegato il sindaco Ninni Gemmato in consiglio comunale — per legge il gettito fiscale totale della Tari deve essere sufficiente a coprire totalmente il costo del servizio». Costo che infatti è aumentato. Secondo il piano finanziario approvato in aula l'estate scorsa, la spesa per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti nel 2015 è di 4,2 milioni di euro rispetto ai 3,4 milioni circa dell'anno prima. Un salasso che lo stesso primo cittadino aveva giustificato con l'aumento dei costi di trasporto in discarica e con l'avvio della raccolta differenziata porta a porta previsto il 1° novembre scorso. Secondo una stima tecnica, infatti, solo il costo per l'avvio del porta a porta ammonterebbe a 360 mila euro. Avvio che però di fatto non c'è ancora stato, dato che la data di inizio del porta a porta è stata rinviata a febbraio prossimo.

Per questo i malumori agli sportelli comunali si sono trasformati in polemica politica. Il Partito Democratico aveva fatto una proposta affinché l'amministrazione, prendendo atto di non essere riuscita a far partire la raccolta porta a porta come previsto, rivedesse la percentuale dell'aumento Tari e la spalmasse nell'anno 2016. Ma l'amministrazione è andata avanti per la sua strada, scegliendo di aumentare la tassa rifiuti.
  • Terlizzi
  • tari
  • tassa rifiuti
Altri contenuti a tema
Strade deserte: Terlizzi in zona arancione è spettrale (FOTO) Strade deserte: Terlizzi in zona arancione è spettrale (FOTO) Secondo fine settimana dopo l'entrata in vigore del nuovo DPCM. Attività chiuse, in giro solo qualche ragazzino incosciente
Tari ridotta del 25% alle attività commerciali chiuse durante il lockdown Tari ridotta del 25% alle attività commerciali chiuse durante il lockdown Il regolamento è stato approvato dai soli consiglieri di maggioranza
Fumata nera in Consiglio Comunale per il regolamento su IMU e TARI Fumata nera in Consiglio Comunale per il regolamento su IMU e TARI Con la proroga del Governo al 31 ottobre i provvedimenti ritorneranno in Consiglio Comunale
Il primo sabato di zona protetta per Terlizzi (FOTO) Il primo sabato di zona protetta per Terlizzi (FOTO) Ecco come ha vissuto la Città dei fiori l'inizio di questo fine settimana inedito
Terlizzi zona protetta (FOTO) Terlizzi zona protetta (FOTO) Il silenzio per le strade, la chiusura di bar e ristoranti alle 18.00. La città dei fiori rispetta le norme governative sul Coronavirus
Neve su Terlizzi. Nuova allerta gialla della Protezione Civile Neve su Terlizzi. Nuova allerta gialla della Protezione Civile Situazione meteo confermata per le prossime 24 ore
Il sindaco sull'aumento della TARI: «I maggiori costi non sono stati decisi dall'Amministrazione comunale» Il sindaco sull'aumento della TARI: «I maggiori costi non sono stati decisi dall'Amministrazione comunale» Approvato Bilancio di Previsione, il sindaco: «Realizzeremo quanto promesso»
Ritrovata l'auto dell'anziano in cerca del suo cane, ma dell'animale nessuna traccia Ritrovata l'auto dell'anziano in cerca del suo cane, ma dell'animale nessuna traccia Il ladro l'ha fatta ritrovare insieme al cane, che però si è allontanato prima dell'arrivo delle Forze dell'Ordine
© 2001-2020 TerlizziViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TerlizziViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.