Un'aula del Tribunale
Un'aula del Tribunale
Cronaca

"Pandora", l'Appello conferma 94 condanne: 12 anni a Baldassarre

Le indagini dei Carabinieri hanno documentato più di un decennio di affari illeciti e le ramificazioni dei clan anche a Terlizzi

La Corte d'Appello di Bari ha confermato 94 condanne, riducendo in parte le pene (tra i 12 anni e i 16 mesi, nda), e un'assoluzione. Questa la sentenza del giudice dell'udienza preliminare di Bari, Rossana de Cristofaro nell'ambito del processo di secondo grado "Pandora", con il rito abbreviato, denominato così dal nome del vaso della mitologia greca all'interno del quale sarebbero racchiusi tutti i mali della mafia barese degli ultimi 15 anni.

Gli imputati, tutti affiliati ai due clan Diomede-Mercante e Capriati di Bari, rispondevano a vario titolo di associazione mafiosa pluriaggravata, tentati omicidi, armi, rapine, furti, lesioni personali, sequestro di persona e violazioni della sorveglianza speciale.

Tra le condanne più elevate - alla lettura del dispositivo, nell'aula bunker di Trani, ha assistito anche l'ex procuratore Giuseppe Volpe - ci sono quelle inflitte nei confronti dei boss di Bari e Bitonto Nicola Diomede (7 anni rispetto agli 11 anni e 4 mesi del primo grado) e Domenico Conte (7 anni da 10 anni e 8 mesi) e del pregiudicato Gioacchino Baldassarre (confermata la pena a 12 anni di reclusione), ritenuti i capi organizzatori dei due gruppi criminali.

I giudici hanno anche confermato la condanna di alcuni imputati al risarcimento danni, da quantificarsi in sede civile, nei confronti delle parti civili costituite nel processo, i Comuni di Bari (assistito dall'avvocato Giuseppe Buquicchio) e Terlizzi. Unico assolto l'ex vicepresidente dell'associazione Fai-Antiracket di Molfetta, l'imprenditore Roberto De Blasio, titolare di un'agenzia di vigilanza privata, assistito dagli avvocati Roberto Eustachio Sisto e Francesco Morelli (Studio Fps).

Le indagini dei Carabinieri del Ros, coordinate dai pubblici ministeri antimafia Lidia Giorgio e Renato Nitti, documentarono oltre un decennio di affari illeciti e le ramificazioni dei due clan, federati tra loro, nell'intera regione, da Bitonto a San Severo, passando per Altamura, Gravina, Valenzano, Triggiano e il Nord Barese, accertando anche collegamenti con le altre organizzazioni criminali pugliesi, oltre a rapporti commerciali (per l'approvvigionamento della droga) con 'ndrangheta, Cosa nostra e camorra.
  • Baldassarre Terlizzi
  • Gioacchino Baldassarre
  • Processo Pandora
  • Processo Pandora Terlizzi
Altri contenuti a tema
Processo "Pandora": respinta la richiesta di risarcimento del Comune di Terlizzi Processo "Pandora": respinta la richiesta di risarcimento del Comune di Terlizzi I condannati dovranno solo risarcire la Federazione delle Associazioni Antiracket. Rigettate le altre richieste
Processo Pandora, Gemmato dopo le condanne: «Terlizzi è la città dei fiori. Terlizzi non si tocca» Processo Pandora, Gemmato dopo le condanne: «Terlizzi è la città dei fiori. Terlizzi non si tocca» Il monito del sindaco dopo la costituzione parte civile del Comune
Processo "Pandora", 90 condanne: 12 anni a Gioacchino Baldassarre Processo "Pandora", 90 condanne: 12 anni a Gioacchino Baldassarre Gli imputati sono tutti presunti affiliati ai clan Diomede-Mercante e Capriati: documentati 15 anni di malaffare
«I Dello Russo fortemente ridimensionati dall'operazione "Short Message"» «I Dello Russo fortemente ridimensionati dall'operazione "Short Message"» Lo afferma l'Antimafia dopo l’inchiesta sull'accordo con cui clan di Terlizzi garantiva l'approvvigionamento di droga nel Salento
Operazione "Pandora": chiesti 14 anni e 8 mesi per Gioacchino Baldassarre Operazione "Pandora": chiesti 14 anni e 8 mesi per Gioacchino Baldassarre L'uomo è ritenuto fra i capi dei clan Diomede-Mercante e Capriati. Nel processo si è costituito parte civile anche il Comune di Terlizzi
"Short Message", chiesti quasi 40 anni di reclusione per gli imputati di Terlizzi "Short Message", chiesti quasi 40 anni di reclusione per gli imputati di Terlizzi Il pm ha invocato le condanne nel processo che si è aperto con il rito abbreviato per la maggior parte delle persone coinvolte
Operazioni "Porto" e "Pandora", stroncata l'espansione del clan Capriati a Terlizzi Operazioni "Porto" e "Pandora", stroncata l'espansione del clan Capriati a Terlizzi La fotografia fatta dalla Direzione Investigativa Antimafia. Ma in città resta attivo il clan Dello Russo-Ficco
«I Dello Russo per colmare il vuoto di potere dei Baldassarre» «I Dello Russo per colmare il vuoto di potere dei Baldassarre» Secondo l'Antimafia le recenti condanne possono segnare l'avvicendamento tra i due clan
© 2001-2022 TerlizziViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TerlizziViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.