giannini
giannini
attualità

L'assessore regionale Giannini incontra il sindaco: c'è intesa sul futuro dei passaggi a livello

Il Pd di Terlizzi ha votato contro, al contrario l'assessore regionale (Pd) è d'accordo sulla necessità di rimuovere i passaggi a livello

I passaggi a livello rappresentano una criticità in termini di sicurezza dei cittadini oltre che un ostacolo all'efficienza della circolazione ferroviaria. Sono questi i concetti ribaditi venerdì mattina a Bari durante gli incontri tra assessorato regionale ai Trasporti, comune di Terlizzi, Ferrotramviaria e il comitato spontaneo di cittadini che protesta contro la soppressione dei passaggi a livello in agro di Terlizzi. Nel doppio confronto che l'assessore Giovanni Giannini ha tenuto prima con il comitato, poi col sindaco Ninni Gemmato e il presidente del consiglio comunale Mario Ruggiero, le conclusioni sono state sempre le stesse: la rimozione degli attraversamenti a raso rappresenta un processo ineluttabile e sarà portato avanti da Ferrotramviaria con modalità e interventi che ridurranno al minimo i disagi per i cittadini. Il progetto esecutivo che verrà predisposto da Ferrotramviaria sarà sottoposto all'esame della Regione e dalla stessa finanziato con fondi comunitari.

D'accordo su questa linea anche il sindaco Gemmato il quale ha illustrato il contenuto del nulla osta approvato dal consiglio comunale. Il primo cittadino di Terlizzi ha ribadito due punti essenziali di quanto deliberato in aula (il nulla osta alla soppressione dei passaggi a livello ha ricevuto il voto favorevole della maggioranza di centrodestra e quello contrario di Forza Italia, Pd e Città Civile): la viabilità alternativa che sostituirà i passaggi a livello dovrà essere realizzata prima della soppressione dei passaggi a livello al fine di non creare problemi nel collegamento viario su entrambi i lati dei segmenti di linea ferroviaria attualmente attraversati dai passaggi a livello; la seconda avvertenza è che il progetto definitivo di Ferrotramviaria dovrà essere sottoposto nuovamente al vaglio del consiglio comunale e, prima ancora, l'amministrazione comunale promuoverà dei momenti di approfondimento e confronto con i cittadini e i residenti delle zone interessate.
La soppressione dei passaggi a livello sarà finanziaria con i fondi comunitari residuali della pianificazione 2014-2020, non c'è una scadenza specifica ma è chiaro che prima Ferrotramviaria presenterà il progetto esecutivo dopo il nulla osta dei consigli comunali, più probabile sarà l'ottenimento delle risorse economiche.
  • Regione Puglia
  • passaggi a livello
Altri contenuti a tema
Piano di riordino ospedaliero, FDI Terlizzi dura su Emiliano Piano di riordino ospedaliero, FDI Terlizzi dura su Emiliano Dal direttivo: «Fratelli d'Italia non assisterà immobile all'omicidio del " Sarcone"!»
Il "Sarcone" sarà ospedale post-acuzie Il "Sarcone" sarà ospedale post-acuzie La decisione della Regione Puglia nell'ambito del riordino ospedaliero
Caos Regione: oggi conferenza stampa del dimissionario Leo Di Gioia Caos Regione: oggi conferenza stampa del dimissionario Leo Di Gioia Per i successori spunta il nome dell'andriese Sabino Zinni
Treno fermo a Terlizzi: c'è un'auto sulla via di fuga Treno fermo a Terlizzi: c'è un'auto sulla via di fuga Il fatto è successo questa mattina. L'intervento degli operatori ferroviari ha risolto il problema
Il MoVimento 5 Stelle presenta una mozione di sfiducia al Presidente Emiliano Il MoVimento 5 Stelle presenta una mozione di sfiducia al Presidente Emiliano Oggi il documento sarà sottoposto all'esame degli altri Consiglieri
Mercatone Uno, massima attenzione da parte del Governo regionale Mercatone Uno, massima attenzione da parte del Governo regionale Una nota dell'Assessore allo Sviluppo Economico Mino Borraccino
La Regione dà l'ok all'osservatorio sui neofascismi La Regione dà l'ok all'osservatorio sui neofascismi Sarà sottoscritto un protocollo d'intesta tra Regione e Coordinamento Antifascista pugliese
Piano di sviluppo rurale, Coldiretti: «Spento il sogno di 5 mila giovani» Piano di sviluppo rurale, Coldiretti: «Spento il sogno di 5 mila giovani» «Per colpa della macchina burocratica dell’Assessorato all’Agricoltura regionale che ha creato il caos»
© 2001-2019 TerlizziViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TerlizziViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.