I Carabinieri
I Carabinieri
Cronaca

In giro per Terlizzi senza valide motivazioni: 30 denunciati

Solo per evidenti esigenze di lavoro, salute o necessità. Evidentemente non tutti riescono a rinunciare alle uscite

Sono già 30, in soli 5 giorni, i cittadini denunciati dai Carabinieri alla Procura della Repubblica per non aver rispettato l'articolo 650 del codice penale: dovranno rispondere del reato di inosservanza dei provvedimenti dell'Autorità per ragione di giustizia, sicurezza, ordine pubblico e igiene.

Da martedì sono iniziati gli accertamenti degli uomini della Tenenza di Terlizzi nei confronti di chi si sposta senza un valido motivo. I 30 cittadini denunciati che erano in giro per le vie di Terlizzi, non hanno saputo giustificare la loro presenza in strada in contrasto con le prescrizioni disposte dal governo per limitare la circolazione. Tra le nuove disposizioni per evitare il diffondersi del Coronavirus, infatti, rientra anche il divieto di uscire di casa.

La violazione dell'articolo 650 del codice penale è un reato punito con l'arresto fino a 3 mesi oppure con l'ammenda fino a 206 euro.

Si ricorda che, come da disposizioni ministeriali, non si può uscire di casa se non per validi motivi. È possibile spostarsi esclusivamente per motivi di salute, per esigenze lavorative oppure altre condizioni di estrema necessità. Per provare queste esigenze, inoltre, deve essere redatta un'autocertificazione, scaricabile dal sito del Ministero dell'Interno, che potrà essere resa anche seduta stante sui moduli in dotazione alle forze dell'ordine.

La veridicità delle dichiarazioni rese sarà oggetto di successivi controlli. Le limitazioni agli spostamenti sono le stesse in tutte le Regioni italiane e sono in vigore dal 10 marzo e fino al 3 aprile. I controlli proseguiranno incessantemente anche nei prossimi giorni.
  • Carabinieri Terlizzi
Altri contenuti a tema
Poste Italiane, pensioni a domicilio grazie ai Carabinieri Poste Italiane, pensioni a domicilio grazie ai Carabinieri L'iniziativa riguarda gli over 75 che ritiravano l'indennità in contanti e che non convivano con altri familiari
Coronavirus: con il nuovo decreto, sanzioni depenalizzate Coronavirus: con il nuovo decreto, sanzioni depenalizzate Il nuovo dl ha valore retroattivo: non c'è più la sanzione penale, ma solo amministrativa
Viola il decreto sul Coronavirus per spacciare: arrestata una 40enne Viola il decreto sul Coronavirus per spacciare: arrestata una 40enne Sequestrati dai Carabinieri oltre 50 grammi di eroina. Condotto in carcere un 65enne
Coronavirus, la Procura chiede i decreti di condanna. Volpe: «Priorità assoluta» Coronavirus, la Procura chiede i decreti di condanna. Volpe: «Priorità assoluta» Il procuratore di Bari: «Le denunce sono tante. Chiederemo una condanna ad una pena pecuniaria»
Coronavirus, i controlli. Ancora troppi in giro: 1.901 le persone denunciate Coronavirus, i controlli. Ancora troppi in giro: 1.901 le persone denunciate I dati della Prefettura di Bari: controllate 31.441 persone, ci sono anche 6 esercizi commerciali chiusi
Nuova raffica di controlli. Ma ci sono ancora troppe persone per strada Nuova raffica di controlli. Ma ci sono ancora troppe persone per strada I Carabinieri al lavoro senza sosta: malgrado il continuo richiamo al rispetto delle prescrizioni sono numerosissime le persone denunciate
Entra in auto, gli ruba il cellulare e scappa: arrestato un 30enne Entra in auto, gli ruba il cellulare e scappa: arrestato un 30enne Fondamentali le indicazioni fornite dalla vittima: l'uomo, rintracciato dai Carabinieri, è stato tradotto in carcere
Falsa licenza per la caccia, due denunciati: uno è di Terlizzi Falsa licenza per la caccia, due denunciati: uno è di Terlizzi L'uomo è accusato di aver esercitato l’esercizio venatorio su tutto il territorio, abbattendo centinaia di esemplari di fauna
© 2001-2020 TerlizziViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TerlizziViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.