conferenza stampa censum
conferenza stampa censum
Politica

Caso Censum, «una vittoria amara» per Città Civile

Vitagliano:«Mai con le opposizioni che hanno sostenuto Gemmato»

L'esito del processo Censum rappresenta una «vittoria amara» per Città Civile, costituitasi come parte civile nel contraddittorio e alla quale il Tribunale di Trani ha riconosciuto non solo il risarcimento dei danni ma anche il pagamento delle spese processuali da parte dei due imputati, Vito Redavid e Francesca Panzini.

Nessun clima di esultanza aleggiava nell'aria ieri sera durante la conferenza stampa indetta dal movimento civico. «La città non ha nulla da festeggiare. Ascoltare la lettura di una sentenza di condanna rappresenta un'esperienza emotivamente forte», ci tiene a precisare Vito D'amato, segretario del movimento.

«Siamo stati sbeffeggiati e derisi per aver cercato di fare luce sulla situazione delle cartelle pazze. È stato dimostrato che non siamo degli sciacalli», vogliono sottolineare gli aderenti di Città Civile per essere stati barbaramente etichettati in questo modo dalle forze di maggioranza. Il movimento rivendica, così, un ruolo di legittimazione politica per aver esercitato il proprio diritto in maniera trasparente.

Ma la vera domanda che tutti si pongono è «E ora che si fa?». Adesso si cercano risposte dal sindaco Ninni Gemmato, al quale si chiede una forte assunzione di responsabilità.

L'interdizione perpetua dai pubblici uffici di Francesca Panzini potrebbe far vacillare il primo cittadino «che ha sempre minimizzato tutta la questione, costituendosi parte civile solamente nei confronti di Redavid», sottolinea Michele Berardi, ex consigliere comunale del PD e sostenitore di Città Civile alle scorse elezioni, chiedendo che venga fatta un'operazione di verità, «Gemmato ha partecipato a numerose udienze, è stato interpellato come testimone a discarico della dirigente ed è stato presente finanche alla lettura del dispositivo».

Secondo il parere di Pasquale Vitagliano, tuttavia, il principale responsabile della vicenda Censum non è da ravvisarsi in Gemmato, bensì «in chi fa solo battaglie private, spostandosi da sinistra a destra e viceversa a seconda delle opportunità, creando un ambiente politico in cui si confondono gli interessi pubblici con quelli privati».

Velati strali sono stati, dunque, lanciati contro l'attuale consigliere del Partito Democratico Michele Grassi, che nel 2012 sottoscrisse il "Patto di responsabilità civica" sostenendo la candidatura a sindaco di Gemmato. «È arrivato il momento di dire agli elettori da che parte stare. A me non interessa fare le stesse cose con abito diverso; piuttosto m'interessa fare cose diverse anche con lo stesso abito», spiega risoluto Vitagliano che si oppone a un generico appello di unità delle opposizioni per contrastare Gemmato, «La responsabilità non è nei patti ma nelle azioni».
  • Città Civile
  • censum
Altri contenuti a tema
Edgardo Bisceglia ospite questa sera di Città Civile Edgardo Bisceglia ospite questa sera di Città Civile Torna l'appuntamento mensile della scuola di formazione politica
Flash mob sotto il Comune:"Fateli scendere" lo slogan contro il governo Flash mob sotto il Comune:"Fateli scendere" lo slogan contro il governo Bandiere della pace e giubbotti di salvataggio in favore dei migranti
Al via il secondo modulo di "Carta&Penna", la scuola di formazione politica di Città Civile Al via il secondo modulo di "Carta&Penna", la scuola di formazione politica di Città Civile Ospite Corrado De Benedittis, professore di filosofia al liceo scientifico di Ruvo
Giampaolo Sigrisi: «Ci sono presupposti per accordo elettorale tra movimenti civici e Partito Democratico» Giampaolo Sigrisi: «Ci sono presupposti per accordo elettorale tra movimenti civici e Partito Democratico» L'esponente vicino a Città Civile esprime la sua posizione su future alleanza politico-elettorali
Caso Censum, Città Civile chiede di leggere il parere legale commissionato all'epoca dal Comune Caso Censum, Città Civile chiede di leggere il parere legale commissionato all'epoca dal Comune Si tratta del parere legale che avrebbe convinto il Comune di Terlizzi a costituirsi parte civile nel processo nei confronti di Redavid
Caso Censum, Volpe: «Noi non siamo stati sciacalli» Caso Censum, Volpe: «Noi non siamo stati sciacalli» Il commento del consigliere comunale de La Corrente
Caso Censum, il sindaco Gemmato chiede convocazione Consiglio comunale Caso Censum, il sindaco Gemmato chiede convocazione Consiglio comunale «Si tratta di una vicenda grave - spiega il sindaco - rispetto alla quale i cittadini meritano di essere correttamente aggiornati e informati attraverso un confronto pubblico nella massima assise cittadina»
1 Un post su Facebook cita la "piovra" a Terlizzi. il sindaco Gemmato: «Pronto a denunciare gli sciacalli» Un post su Facebook cita la "piovra" a Terlizzi. il sindaco Gemmato: «Pronto a denunciare gli sciacalli» «Posso pure sopportare che si attacchi la mia persona e la mia parte politica, ma non posso più tollerare che gli schizzi di fango continuino a imbrattare l’immagine della città che rappresento»
© 2001-2019 TerlizziViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TerlizziViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.