michelecataldi
michelecataldi

Il terlizzese Michele Cataldi è il neo allenatore del Milazzo

La societa marmetina miltante in Eccellenza affida la panchina all'esperto tecnico che da calciatore ha scritto pagine importanti del calcio siciliano

Il terlizzese Michele Cataldi è il nuovo allenatore dello S.S.D. Milazzo 1937.

A ufficializzarlo è stata la società mamertina che, dopo contatti con vari tecnici, ha deciso di affidare la panchina all'esperto mister terlizzese ormai trapiantato in Sicilia da metà anni novanta e sposato in quel di Barcellona Pozzo di Gotto.

Mister Cataldi, noto nella città dei fiori col soprannome di "Michele 500" da calciatore, tra gli anni '90 ed i primi anni duemila, ha vestito la maglia di moltissimi dei club calcistici più noti della Sicilia quali Acireale, Atletico Leonzio, Atletico Catania, Gela, Igea Virtus Barcellona, Marsala, Siracusa e Trapani, giocando in campionati professionistici di B, C1 e C2.

Passato dal campo alla panchina, il tecnico, raggiunto da noi telefonicamente, ci ha svelato di avere il sogno di allenare la squadra di calcio della sua Terlizzi, e quindi di ritornare in "patria", ovviamente per essere buon profeta.

Cataldi ha ottenuto ottimi risultati con l'Aci Catena in serie D, portandola ad una salvezza con la vittoria ai play-out. Qualche anno dopo con il Città di Messina, in Eccellenza, per poi approdare sulla panchina del Merì, portando la squadra dalla Seconda Categoria alla Promozione.

Nelle ultime due stagioni ha conquistato la salvezza con il Pro Tonnarella e, lo scorso anno, ha guidato per un breve periodo il Due Torri.

In un breve contatto telefonico ci ha raccontato: «Puntiamo a far ben con una squadra composta da giovani talenti del calcio nostrano ai quali ovviamente andremo ad aggiungere calciatori esperti della categoria».

  • Michele Cataldi
© 2001-2019 TerlizziViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TerlizziViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.