Disabilità
Disabilità
Il Mondo Wealth Management

Disabilità e diritto: la Legge sul “Dopo di Noi”

A cura dell'avvocato Giuseppe Prascina

Secondo gli ultimi dati disponibili, in Italia ci sono circa 3 milioni di disabili proporzionalmente distribuiti nelle varie regioni. Oltre alle disabilità legate all'invecchiamento ci sono sempre più famiglie che devono occuparsi dell'assistenza dei propri cari e il diritto deve fare la sua parte.

Ci viene in aiuto la legge n. 112/2016 sul "Dopo di Noi" che interviene per sostenere tutte quelle famiglie che assistono persone affette da gravi disabilità dopo la scomparsa dei genitori o familiari. Per disabilità la legge intende tutte quelle persone che sono affette da minorazioni fisiche, psichiche o sensoriali, che comportano una generale difficoltà di apprendimento o di integrazione sociale e che richiedono l'assistenza permanente di familiari o altre persone come personale medico-sanitario. I vantaggi derivanti sono essenzialmente due: è stato istituito un Fondo per l'assistenza alle persone con disabilità grave prive di sostegno familiare che mira a favorire forme di assistenza in abitazioni; si possono realizzare varie iniziative per migliorare le condizioni economico e sociali di queste persone.

A livello privato sono state previste una serie di agevolazioni fiscali per le donazioni in denaro o in natura, per la stipula di polizze assicurative, per la costituzione di trust e altri strumenti giuridici. Per le donazioni in denaro o natura dai privati nei confronti di trust o fondi speciali, è prevista la deduzione nel limite del 20% del reddito complessivo dichiarato e comunque nella misura massima di 100.000 euro annui.

Per le polizze assicurative con oggetto il rischio morte per la tutela delle persone con disabilità grave, l'importo fiscalmente detraibile dall'imposta IRPEF del premio è di 750 € (anziché 530,00).

Con l'istituzione di un Trust, la famiglia può provvedere all'assistenza, cura e protezione delle persone con disabilità grave. Con questo strumento giuridico viene posto un vincolo sui beni conferiti in modo tale che siano destinati esclusivamente alla cura ed assistenza delle persone disabili al riparo dall'aggressione di eventuali creditori.

Tutto il patrimonio viene gestito dai disponenti (di solito i genitori) che trasferiscono i beni al trustee il quale ha il dovere di gestirli secondo l'interesse del beneficiario – il disabile – e secondo il programma stabilito dai disponenti del trust. Inoltre, i beni e i diritti inseriti nel trust sono esenti dall'imposta di successione e donazione.
Per maggiori informazioni
Avv. Giuseppe Prascina
Studio professionale: Corso V. Emanuele n. 105 – Barletta
Tel/fax 0883.527748 – Cellulare: 338.4728360
Mail: avv.prascinagiuseppe@gmail.com
PEC: avv.prascinagiuseppe@pec.ordineavvocatitrani.it
  • disabilità
Altri contenuti a tema
Tommy Colasanto, il ragazzo disabile che chiede aiuto alle istituzioni per poter studiare Tommy Colasanto, il ragazzo disabile che chiede aiuto alle istituzioni per poter studiare Ha dovuto lasciare l'università di Bari per la mancata assistenza agli studenti portatori di handicap
Arriva WondeRadio, la web radio per connettere le differenze Arriva WondeRadio, la web radio per connettere le differenze Il suono e la comunicazione come strumento per scavalcare la cecità
7 Il montascale di palazzo di città fermo da un anno, disagi per anziani e disabili Il montascale di palazzo di città fermo da un anno, disagi per anziani e disabili Domenica scorsa alcune persone in sedia a rotelle sono stati portati in braccio dai militari
© 2001-2020 TerlizziViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TerlizziViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.