Benedizione Don Michele Amorosini
Benedizione Don Michele Amorosini
Vita di città

Scoperte le targhe in onore della mostra permanente del Maestro Antonio Volpe

Cerimonia con il Sindaco Michelangelo De Chirico e la benedizione di don Michele Amorosini

Un ulteriore importante tassello di storia si aggiunge alla memoria terlizzese in onore del Maestro Antonio Volpe, il celebre pittore scomparso all'età di 94 anni il 22 agosto 2018: lo scorso venerdì, infatti, sono state disvelate le tre targhe indicative della mostra permanente in Corso Vittorio Emanuele n. 26 all'interno dei locali dell'ex Convento dell'Immacolata Concezione, sede degli uffici dei servizi socio-assistenziali e della pubblica istruzione.

Si è trattato di un passo fortemente voluto dal Comitato Feste Patronali Maria SS. di Sovereto, concretizzatosi attraverso l'intervento dell'Amministrazione De Chirico, per rendere omaggio a un'eccellenza artistica del panorama locale che si annovera tra "I grandi maestri del XX secolo".

Sono trenta i quadri ammirabili al primo piano dell'edificio, catalogati e numerati, collocati nella sala deputata al consiglio comunale, nei corridoi, in un'aula delle riunioni e in uno spazio ricreativo: autoritratti, paesaggi, nature morte, scene di vita quotidiana, scorci di Terlizzi rappresentano i soggetti prevalentemente dipinti sulle tele.

Il Sindaco Michelangelo De Chirico, affiancato dal Vicesindaco e Assessore Gaetano Minutillo, ha speso parole di partecipazione emotiva, oltre che istituzionale, nel ripercorrere il prolifico lavoro svolto dal Maestro.
«Ho avuto l'onore di conoscere e apprezzare di persona il Maestro Antonio Volpe che più volte mi ha mostrato la sua immensa collezione privata e che spesso mi ha pregato di aiutarlo nel donare i quadri alla città di Terlizzi», commenta il primo cittadino rivangando il passato, «Non è mancata occasione in cui spronassi da consigliere di opposizione la precedente Amministrazione Gemmato nella formalizzazione della donazione delle opere, data l'età avanzata di Volpe».

La traduzione in concreto dell'individuazione della location e dello stabile allestimento dell'esposizione si è rivelato un iter burocratico farraginoso e complesso, non privo di ostacoli, conclusosi con l'inaugurazione della mostra il 29 agosto 2019. Coincidenze simboliche hanno voluto che il giorno in cui Volpe spirava nel suo laboratorio mentre dipingeva, venisse approvato definitivamente l'ultimo atto donativo.

«Il più grande rammarico è dato dal fatto che il Maestro non ha potuto godere in vita del desiderio di vedere affisse le sue opere in spazi comunali», prosegue il Sindaco, «Ritengo che le opere avrebbero dovuto essere maggiormente valorizzate rispetto alla mera collocazione, quasi d'arredo, negli attuali uffici dei servizi sociali».

Il Maestro Volpe dai vispi occhi blu è stato un uomo di profonda sensibilità che con pennellate sapienti esaltava la vivacità delle immagini e del colore. Un tributo accorato è stato rivolto da don Michele Amorosini, direttore del Museo diocesano di Molfetta, che ha consacrato la prima targa d'ingresso, sita sul Corso.

Una stima incondizionata è stata espressa pure da Carmine D'Aniello, presidente del Comitato Feste Patronali, il quale rievoca lo scambio di conoscenze avvenuto con il Maestro: un'osmosi di patrimoni artistici fra ceramica e pittura. Volpe era solito dipingere i mestieri tipici del nostro paese e fra questi ha scelto di immortalare anche il laboratorio D'Aniello.

Un pensiero particolare giunge, infine, da Iolanda e Margherita Tricarico, cognate di Volpe, che portano alla luce sprazzi del loro quotidiano, descrivendo l'artista come un uomo amabile e discreto, che aveva dedicato la sua esistenza all'arte visiva. Era solito uscire di casa al mattino presto, intorno alle 7, e armeggiava le tavolozze sino a mezzogiorno, momento dedicato alla pausa pranzo.

«Siamo contente che i quadri possano dimorare in un luogo istituzionale. Abbiamo dovuto insistere negli anni, ma alla fine la nostra famiglia è riuscita a dare corpo a questo desiderio», concludono le due sorelle, «Di questo ringraziamo in particolar modo Nunzio De Noia, nipote del Maestro, e la Vicepresidente del Comitato, Maria Teresa De Scisciolo, che da sempre si sono battuti per arricchire il background culturale di Terlizzi attribuendo il giusto riconoscimento alla figura di Antonio Volpe».
4 fotoDisvelamento targa Maestro Volpe
Benedizione Don Michele AmorosiniCarmine DAniello Enzo SforzaDisvelamento taga Antonio VolpeDe Chirico scopre targa Volpe
  • Antonio Volpe
  • festa maggiore
  • Madonna di Sovereto
  • Comitato Maria SS. di Sovereto
Altri contenuti a tema
Settenario Festa Maggiore: l'icona di Maria di Sovereto in processione (FOTO) Settenario Festa Maggiore: l'icona di Maria di Sovereto in processione (FOTO) Ieri sera l'ultimo atto solenne di festeggiamenti dell'estate 2022
"Il Carro trionfale nei disegni di Michele De Napoli": la mostra in Pinacoteca "Il Carro trionfale nei disegni di Michele De Napoli": la mostra in Pinacoteca Visitabile dal martedì alla domenica in precisi orari mattutini e pomeridiani
La Festa Maggiore negli scritti del Settecento: la rievocazione storica di Vito Bernardi La Festa Maggiore negli scritti del Settecento: la rievocazione storica di Vito Bernardi Gli stralci di Alberto Fortis, abate naturalista di origine veneta che raccontò di Terlizzi
Ottimo il bilancio della Festa Maggiore per il Comitato Feste Patronali Ottimo il bilancio della Festa Maggiore per il Comitato Feste Patronali I festeggiamenti si concluderanno il 28 agosto
Un nuovo Manto per Maria SS. di Sovereto Un nuovo Manto per Maria SS. di Sovereto Il mantello sarà benedetto oggi da Mons. Felice Di Molfetta
Questa sera processione dell'icona di Maria SS. di Sovereto Questa sera processione dell'icona di Maria SS. di Sovereto Santa Messa celebrata da Mons. Felice di Molfetta
Alfio Lombardi e Orchestra all'Italiana in concerto in piazza Cavour Alfio Lombardi e Orchestra all'Italiana in concerto in piazza Cavour Appuntamento questa sera alle ore 21
Fabrizio Moro infiamma piazza Cavour Fabrizio Moro infiamma piazza Cavour Il lunedì della Festa Maggiore di grande spessore musicale
© 2001-2022 TerlizziViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TerlizziViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.