I Carabinieri
I Carabinieri
Cronaca

"Lucciola" accoltellata: storia di un mistero intriso di sangue

Il tentato omicidio risale a ieri, all'interno di un casolare sulla complanare della 231. Indagano i Carabinieri

I Carabinieri della Compagnia di Molfetta indagano sull'accoltellamento di una "lucciola" - diffuso da TerlizziViva.it - avvenuto ieri pomeriggio nelle campagne di Terlizzi. La prostituta, originaria della Colombia, è stata ferita ed è attualmente ricoverata in ospedale.

Un tentato omicidio dai contorni ancora oscuri, avvenuto all'interno di un casolare in muratura ubicato sulla complanare della strada provinciale 231 tra i comuni di Ruvo di Puglia e Terlizzi, in un luogo - nonostante gli sforzi delle forze dell'ordine cittadine - ormai noto alle cronache per il meretricio, teatro di prostituzione a cielo aperto e sala d'attesa di un bordello on the road. La donna è stata ferita in un attacco a colpi di coltello.

Soccorsa dal personale del 118, è stata condotta presso il nosocomio Michele Sarcone, dove sono accorsi a sirene spiegate - allertati dalla centrale operativa del numero 112 - anche i Carabinieri della locale Tenenza e quelli in servizio presso la Compagnia di Molfetta. Di origini colombiane, la donna, di cui non sono state rese note le generalità e sul cui corpo l'aggressore avrebbe infierito con almeno 3 coltellate, ha perso molto sangue.

Una rapina finita nel sangue oppure un'aggressione da parte di sfruttatori senza scrupoli? Di sicuro un tentato omicidio consumatosi in un casolare di campagna (adesso posto sotto sequestro dall'Autorità Giudiziaria, nda), senza testimoni. I militari, diretti sul campo dal capitano Vito Ingrosso, hanno passato al setaccio la zona rurale alla ricerca del coltello e di ogni minima traccia. Insomma, la caccia all'aggressore è aperta.

I Carabinieri raccoglieranno la testimonianza della donna: l'aggressore potrebbe averla colpita dopo un tentativo di rapina al termine di una prestazione sessuale, ma ogni altra ipotesi è al vaglio degli investigatori, coordinati dalla Procura della Repubblica di Trani. Non è escluso, infatti, che l'aggressione possa essere stata compiuta dai suoi protettori. E così, tra gli inquirenti, si è subito fatta strada l'ipotesi-sfruttatori.

La prostituta è ancora ricoverata in ospedale. Bocche cucite nell'ambiente delle "lucciole" che frequentano le complanari della strada provinciale 231, mentre le indagini proseguono serrate. L'obiettivo è quello di scogliere ogni mistero e risalire a movente e responsabili dell'accoltellamento.
  • Carabinieri Terlizzi
  • Carabinieri Molfetta
Altri contenuti a tema
Rompe il vetro della porta del pronto soccorso. Poi fugge Rompe il vetro della porta del pronto soccorso. Poi fugge Un uomo è andato in escandescenze dopo aver trovato chiuso il presidio. Indagano i Carabinieri
Non si è fermato a un posto di blocco a Terlizzi riuscendo a far perdere le proprie tracce Non si è fermato a un posto di blocco a Terlizzi riuscendo a far perdere le proprie tracce Brutta avventura martedi pomeriggio per un Maresciallo della Polizia Locale durante un controllo
Coronavirus, nel ponte di Pasqua 901 sanzioni su 9.422 controlli Coronavirus, nel ponte di Pasqua 901 sanzioni su 9.422 controlli Controllate anche 270 attività commerciali: 4 titolari sono stati multati, per 3 esercizi è stata disposta la chiusura provvisoria
Pochissimi furbetti in giro, positivo il bilancio nel giorno di Pasquetta Pochissimi furbetti in giro, positivo il bilancio nel giorno di Pasquetta Efficaci i controlli delle forze dell'ordine, fatti su strada, ma anche dall'alto: presidiati tutti i varchi d'accesso
Poste Italiane, pensioni a domicilio grazie ai Carabinieri Poste Italiane, pensioni a domicilio grazie ai Carabinieri L'iniziativa riguarda gli over 75 che ritiravano l'indennità in contanti e che non convivano con altri familiari
Coronavirus: con il nuovo decreto, sanzioni depenalizzate Coronavirus: con il nuovo decreto, sanzioni depenalizzate Il nuovo dl ha valore retroattivo: non c'è più la sanzione penale, ma solo amministrativa
Viola il decreto sul Coronavirus per spacciare: arrestata una 40enne Viola il decreto sul Coronavirus per spacciare: arrestata una 40enne Sequestrati dai Carabinieri oltre 50 grammi di eroina. Condotto in carcere un 65enne
Coronavirus, la Procura chiede i decreti di condanna. Volpe: «Priorità assoluta» Coronavirus, la Procura chiede i decreti di condanna. Volpe: «Priorità assoluta» Il procuratore di Bari: «Le denunce sono tante. Chiederemo una condanna ad una pena pecuniaria»
© 2001-2020 TerlizziViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TerlizziViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.