tommaso memola
tommaso memola
attualità

La polizia municipale dovrebbe fare autocritica, Memola risponde così a Nino Barione

Lettera aperta del portavoce del movimento "Il fronte dei ribelli"

Ha innescato un interessante dibattito, la presa di posizione dell'Associazione nazionale della polizie locali riguardo agli insulti e alle offese che sempre più spesso vengono rivolte a mezzo Facebook ai pubblici ufficiali in divisa. Il vice presidente dell'associazione, il maresciallo terlizzese Nino Barione, in una nota ufficiale dell'associazione ieri aveva preannunciato azioni legali nei confronti di quegli utenti online (talvolta camuffati sotto falsi profili) che spesso riducono le proprie critiche a calunnie e offese deliberate. Il più delle volte, aggiungiamo noi, solo per fini di strumentalizzazione politica.

Giunge in redazione la replica a firma di Tommaso Memola, portavoce de "Il Fronte dei Ribelli" un movimento d'opinione cittadino. Ecco il suo punto di vista:

"Gent.mo vicepresidente dell'associazione professionale di polizia locale Nino Barione,

ho letto nella data di ieri il comunicato che Lei ha diramato. Pur comprendendo le Sue ragioni e quelle dei suoi colleghi, non condivido in alcun modo le modalità con cui la vostra associazione comunica presunti illeciti di carattere diffamatorio.
Premettendo che il sottoscritto non ha espresso alcun giudizio di merito circa l'operato del corpo di polizia in questione, ci tengo a precisare che sono molto dispiaciuto delle modalità con cui un suo collega mi ha trattato durante le riprese di un video in cui si denunciava l'operato dell'amministrazione comunale in merito alla zona a traffico limitato. C'è un operato politico che sta portando i cittadini all'esasperazione, poiché non sarebbero garantite le minime norme di sicurezza stradale. Le parole esplicitate dal comandante Lorusso in consiglio comunale, sulla regolarità degli spartitraffico gialli, hanno fatto indignare la popolazione cittadina.
Potrei elencare numerosi avvenimenti, dai migranti, alla questione rampe disabili, con tanto di foto e articoli dei live network, ma questo significherebbe generalizzare.
Non tutti gli uomini che rivestono l'uniforme sbagliano.
Tuttavia il suo comunicato non rammenta nessuna dose di autocritica: «possibile che tanti cittadini esasperati si lamentino senza un giustificato motivo? Possibile che alcuni uomini che rivestono l'uniforme non abbiano colpe?»


E voi cosa ne pensate? Condividete la vostra opinione scrivendo un commento a questo articolo: basta cliccare sull'apposito pulsante presente in basso e pubblicheremo il vostro contributo.
  • Terlizzi
  • tommaso memola
Altri contenuti a tema
Ritrovata l'auto dell'anziano in cerca del suo cane, ma dell'animale nessuna traccia Ritrovata l'auto dell'anziano in cerca del suo cane, ma dell'animale nessuna traccia Il ladro l'ha fatta ritrovare insieme al cane, che però si è allontanato prima dell'arrivo delle Forze dell'Ordine
Tommaso Memola, osservatore internazionale, arrestato in Palestina Tommaso Memola, osservatore internazionale, arrestato in Palestina Tra qualche giorno tornerà in Italia
Ladri in una villa, fuggono via alla vista delle guardie giurate Ladri in una villa, fuggono via alla vista delle guardie giurate Intervento di Vigilanza Apulia
Calcio, ora per il Terlizzi servirebbe solo un miracolo Calcio, ora per il Terlizzi servirebbe solo un miracolo Sconfitta per 3-0 a Barletta: l'Eccellenza in bilico
I buoni vincono sui cattivi: ripristinato il gruppo Facebook "Mezz 'O Borg" I buoni vincono sui cattivi: ripristinato il gruppo Facebook "Mezz 'O Borg" La piazza virtuale era stata attaccata dagli hacker
Rissa tra migranti: in carcere i cinque africani fermati ieri Rissa tra migranti: in carcere i cinque africani fermati ieri Le indagini dei Carabinieri proseguiranno per accertare ulteriori responsabilità
"A Casa di Vito", una casa per i malati oncologici "A Casa di Vito", una casa per i malati oncologici Sabato prossimo l'inaugurazione
Un volto di Terlizzi sulla copertina de "L'Espresso" Un volto di Terlizzi sulla copertina de "L'Espresso" Protesta contro un sistema razzista e arrogante
© 2001-2019 TerlizziViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TerlizziViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.