amianto
amianto
attualità

Fino al 10 mila euro ai privati per la bonifica dell'amianto

Finanziamenti a fondo perduto: tempo fino al 3 dicembre per la domanda

Fino al prossimo 3 dicembre, entro le ore 12, sarà possibile presentare la domanda di partecipazione al bando indetto dalla Città Metropolitana di Bari per ricevere contributi al fine di bonificare manufatti edilizi che presentano amianto. In linea con gli obiettivi regionali per la tutela dell'ambiente, quindi, le istituzioni stanno promuovendo il risanamento e la salvaguardia ambientale a presidio della salute pubblica.

In particolare, il bando è rivolto a soggetti pubblici e privati, proprietari o comproprietari, amministratori e affittuari, se esplicitamente autorizzati dal proprietario o comproprietario, che intendono procedere alla bonifica di immobili contaminati da amianto ricadenti nell'ambito territoriale della Città Metropolitana di Bari.

L'azione di bonifica consisterà in attività di messa in sicurezza, risanamento e recupero di aree mediante interventi di confinamento, incapsulamento, rimozione e smaltimento dei materiali contenenti amianto.

Il contributo sarò assegnato per un importo pari all'80% della spesa complessiva e verrà erogato in un'unica soluzione ad ultimazione dei lavori. Viene, inoltre, precisato che il contributo a fondo perduto per gli interventi di rimozione e smaltimento sarà riconosciuto per un importo massimo di diecimila euro.

La graduatoria delle domande ammissibili sarà determinata sulla base di alcuni criteri elencati in ordine di importanza, come, ad esempio, la minore distanza dell'edificio da "recettori sensibili", quali asili, scuole, parchi-giochi, strutture di accoglienza socio-assistenziali, ospedali, case di cura, edifici di culto, strutture sportive; l'utilizzo di tecnologie alternative ai fini del risparmio energetico, quali gli impianti solari e fotovoltaici; una perizia tecnica che attesti il cattivo stato di conservazione del manufatto contenente amianto; infine, la data di protocollo della domanda.


Gli interventi di bonifica ritenuti idonei dovranno comunque concludersi entro dodici mesi dalla data di comunicazione di concessione del contributo.
Gli interessati dovranno presentare domanda all'ufficio Servizio edilizia impianti termici, tutela e valorizzazione dell'ambiente della Città metropolitana di Bari secondo le modalità indicate nel bando.

Per ulteriori informazioni, è possibile consultare al seguente link il testo completo:
https://www.cittametropolitana.ba.it/pls/cittametropolitanaba/v3_s2ew_consultazione.mostra_pagina?id_pagina=3112
  • rifiuti
  • amianto
Altri contenuti a tema
Rifiuti bruciati in via Paradiso: puliAMO Terlizzi dice basta Rifiuti bruciati in via Paradiso: puliAMO Terlizzi dice basta La richiesta perentoria: «Il Sindaco intervenga»
Degrado e sporcizia nel cortile dell'ospedale “Sarcone” di Terlizzi Degrado e sporcizia nel cortile dell'ospedale “Sarcone” di Terlizzi Le foto scattate da pazienti dell’ospedale
Abbandono di rifiuti, arriva la seconda sanzione da 150 euro Abbandono di rifiuti, arriva la seconda sanzione da 150 euro Allegretti: «Sempre più incisivi sono i controlli per coloro che conferiscono abusivamente i rifiuti»
Beccata l'incivile di Arco de Paù: 150 euro di sanzione Beccata l'incivile di Arco de Paù: 150 euro di sanzione Abbandonava rifiuti. Va avanti l'azione di contrasto della Polizia Locale
Rifiuti, arriva l'app "GAIA Observer" per segnalare i reati a Legambiente Rifiuti, arriva l'app "GAIA Observer" per segnalare i reati a Legambiente Guastamacchia: «Il nostro Circolo provvederà alle segnalazioni»
Salvarore Mastrorillo (Asipu), ecco perché aumenta la Tassa Rifiuti Salvarore Mastrorillo (Asipu), ecco perché aumenta la Tassa Rifiuti «Le tariffe di smaltimento sono affidate al mercato che fa il brutto e il cattivo tempo»
Rifiuti Zero, il Consiglio regionale dice "no" Rifiuti Zero, il Consiglio regionale dice "no" La proposta del M5S sostenuta solo da Damscelli e da Blasi
Rifiuti al mercato dei fiori, Asipu sotto accusa Rifiuti al mercato dei fiori, Asipu sotto accusa La denuncia di Puliamo Terlizzi
© 2001-2019 TerlizziViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TerlizziViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.