Il tentato omicidio del 28enne Antonio Amin Afendi
Il tentato omicidio del 28enne Antonio Amin Afendi
Cronaca

Faida nel Salento: la targa dell'auto usata dal killer rubata a Terlizzi

All'Audi condotta da un 24enne, arrestato dai Carabinieri, era stata sostituita la targa con un’altra sottratta da un’auto a Terlizzi

Elezioni Regionali 2020
Le indagini per risalire al presunto autore del tentato omicidio del 28enne Antonio Amin Afendi, avvenuto il 25 novembre scorso a Casarano, sono partite subito. I Carabinieri, grazie a vari accertamenti tecnologici, sono riusciti a risalire all'auto, ma soprattutto a ricostruire l'accaduto e il volto di chi ha sparato.

I militari hanno così arrestato Giuseppe Moscara, 24enne del posto, incastrato dai fotogrammi estratti da un impianto di videosorveglianza di un supermercato: dalle immagini si nota l'auto utilizzata dal killer, un'Audi risultata rubata e con una targa oggetto di furto a Terlizzi, sopraggiungere in via Manzoni. Il 25 ottobre Afendi era a bordo della sua Golf quando venne raggiunto da una raffica di proiettili: il 28enne, che rimase ferito, trovò riparo in casa della convivente.

A distanza di poche settimane, il presunto killer è stato incastrato da una telecamera: dalle immagini estrapolate si vede un'Audi che si affianca alla Golf dove si trovava Afendi. Dalla prima auto vengono sparati i primi colpi, mentre Afendi guadagna l'uscita aprendo lo sportello destro della Golf, per ripararsi davanti alla ruota anteriore del mezzo fino al termine della raffica, momento in cui riesce a darsi alla fuga nell'oscurità mentre il killer è intento a ricaricare l'arma.

Le telecamere hanno ripreso anche la fuga finale del sicario (l'agguato sembrerebbe inquadrasi in dinamiche di armi e sostanze stupefacenti, il motivo di questa nuova faida a Casarano, nda), che si è dileguato a bordo dell'Audi, ritrovata poco dopo in fiamme a Cavallino, a breve distanza dal centro commerciale. L'auto e la sua targa sono risultate poi rubate (la prima, avente originariamente targa svizzera, lo scorso giugno a Lido Marini; l'altra a Terlizzi).

Moscara, che risponde anche di ricettazione, perché per compiere il delitto avrebbe impiegato un Audi rubata a Lido Marini, sostituendone la targa con un'altra di una vettura rubata a Terlizzi, è stato trasferito nel carcere di Lecce, visti i gravi indizi di colpevolezza a suo carico. Tutta l'attività che ha portato al fermo è stata condotta dai Carabinieri del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Lecce.

Chiaro che ora il lavoro degli inquirenti proseguirà proprio da Terlizzi, a oltre 240 chilometri di distanza, per cercare di capire chi e quando ha preso quella targa, magari utilizzando anche in questo caso le immagini di videosorveglianza delle telecamere di sicurezza cittadine.
  • Arresti Terlizzi
  • Carabinieri Terlizzi
Altri contenuti a tema
Covid-19, anche a Terlizzi controlli con le forze dell'ordine Covid-19, anche a Terlizzi controlli con le forze dell'ordine Un protocollo d'intesa è stato sottoscritto tra la Regione Puglia e la Prefettura di Bari
Colpo da 15mila euro al Compro Oro: fermate tre persone. I nomi Colpo da 15mila euro al Compro Oro: fermate tre persone. I nomi Operazione "Lo specchio della verità" della Guardia di Finanza, coinvolto un terlizzese di 28 anni. L'assalto lo scorso 11 gennaio
Rapina ad un Compro Oro: blitz anche a Terlizzi Rapina ad un Compro Oro: blitz anche a Terlizzi Tre persone - due in carcere, una ai domiciliari - sono state arrestate questa mattina dalla Guardia di Finanza
Salvarono uomo dai binari, encomio ad un maresciallo di Terlizzi Salvarono uomo dai binari, encomio ad un maresciallo di Terlizzi Con lui premiati altri due militari. Ieri la cerimonia all'interno del consiglio comunale di Giovinazzo
In giro di notte armato fino ai denti: arrestato un 50enne In giro di notte armato fino ai denti: arrestato un 50enne L'uomo è stato fermato dai Carabinieri: aveva due pistole e un fucile da caccia. È finito in carcere
Gemmato: «Gli angeli talvolta indossano la divisa» Gemmato: «Gli angeli talvolta indossano la divisa» Secondo il sindaco «il gesto dei due militari ha dimostrato che le forze dell’ordine sono forze buone»
Fumo da una casa, Carabinieri-eroi portano fuori una bombola di gas Fumo da una casa, Carabinieri-eroi portano fuori una bombola di gas L'episodio in via Poerio. Il fumo dal forno, sul posto anche i Vigili del Fuoco. Illesi i proprietari: una coppia di anziani
Rompe il vetro della porta del pronto soccorso. Poi fugge Rompe il vetro della porta del pronto soccorso. Poi fugge Un uomo è andato in escandescenze dopo aver trovato chiuso il presidio. Indagano i Carabinieri
© 2001-2020 TerlizziViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TerlizziViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.