xylella
xylella

Emergenza Xylella, Coldiretti: «Dall'Europa solo briciole»

Sono saliti a 1,2 miliardi i danni provocati dal diffondersi della Xylella fastidiosa

Solo nell'area infetta ci sono 183mila ettari e 22 milioni di alberi e contro il dilagare della Xylella che è arrivata a Monopoli "i fondi UE per monitoraggi e test di campionamento, 3 milioni di euro per tutto il territorio italiano e per altri 7 patogeni della stessa categoria, sono solo briciole", commenta il presidente di Coldiretti Puglia, Savino Muraglia. Sono saliti a 1,2 miliardi i danni provocati dal diffondersi della Xylella fastidiosa – ricorda Coldiretti Puglia - il batterio che provoca il rapido disseccamento dell'olivo, che avanza inesorabilmente in Puglia dove è comparsa per la prima volta nell'ottobre del 2012, quando fu data la prima segnalazione di anomali disseccamenti su un appezzamento di olivo.

"Monitoraggio e campionamento sono attività cruciali – aggiunge il presidente Muraglia - considerato che non esiste ancora una cura per la batteriosi, per l'individuazione dei focolai nei primissimi stadi della infezione su piante sensibili e la successiva rimozione secondo legge, così come il controllo della presenza di potenziali vettori contaminati, restano l'unica soluzione per ridurre la velocità di avanzamento della infezione. L'efficacia e sistematicità è garanzia per le aree indenni della Puglia e delle regioni limitrofe, anche puntando sulle tecnologie innovative di monitoraggio remoto".
"In sei anni si sono susseguiti errori, incertezze e scaricabarile che hanno favorito l'avanzare del contagio e dopo aver fatto seccare gli ulivi leccesi - conclude Muraglia - ha intaccato il patrimonio olivicolo di Brindisi e Taranto, arrivando pericolosamente a Monopoli, con effetti disastrosi sull'ambiente, sull'economia e sull'occupazione".

Anche in questo caso non mancano le responsabilità regionali e anche comunitarie e sotto accusa – continua la Coldiretti – è il sistema di controllo dell'Unione Europea con frontiere colabrodo che hanno lasciato passare materiale vegetale infetto poiché il batterio che sta distruggendo gli ulivi pugliesi è stato introdotto nel Salento dal Costa Rica attraverso le rotte commerciali di Rotterdam. Una politica europea troppo permissiva che consente l'ingresso di prodotti agroalimentari e florovivaistici nell'Ue senza che siano applicate le cautele e le quarantene che – conclude la Coldiretti - devono invece superare i nostri prodotti quando vengono esportati.
  • xylella
  • Coldiretti Puglia
Altri contenuti a tema
Maltempo, per Coldiretti Puglia 230 comuni sono a rischio idrogeologico Maltempo, per Coldiretti Puglia 230 comuni sono a rischio idrogeologico Dopo le abbondanti piogge del mese di maggio tante colture sono andate distrutte
Coldiretti, la Puglia fanalino di coda per la spesa per lo sviluppo rurale Coldiretti, la Puglia fanalino di coda per la spesa per lo sviluppo rurale Muraglia: "Una sconfitta per le speranze degli agricoltori"
Piano di sviluppo rurale, Coldiretti: «Spento il sogno di 5 mila giovani» Piano di sviluppo rurale, Coldiretti: «Spento il sogno di 5 mila giovani» «Per colpa della macchina burocratica dell’Assessorato all’Agricoltura regionale che ha creato il caos»
Coldiretti attacca duro la Regione sulla gestione dell'emergenza Xylella Coldiretti attacca duro la Regione sulla gestione dell'emergenza Xylella «L'assessore Di Gioia sbaglia tempi e metodi»
«Emergenza Xyella», questa sera un incontro con gli esperti «Emergenza Xyella», questa sera un incontro con gli esperti Appuntamento in Pinacoteca alle 18
Xylella, Coldiretti Puglia chiede di incontrare Emiliano Xylella, Coldiretti Puglia chiede di incontrare Emiliano Sarà illustrato il Piano in 10 punti di Coldiretti per la ricostruzione del patrimonio olivicolo del Salento
Xylella, Coldiretti chiede il dissequestro degli ulivi infetti Xylella, Coldiretti chiede il dissequestro degli ulivi infetti “Chiediamo al Presidente della Regione Emiliano, da Magistrato, di farsi carico di interloquire con la Procura di Bari per il dissequestro dell’ulivo infetto di Monopoli "
Clima pazzo, marzo con temperature di 5 gradi più della media: agricoltura a rischio Clima pazzo, marzo con temperature di 5 gradi più della media: agricoltura a rischio La preoccupazione di Coldiretti per il clima impazzito
© 2001-2019 TerlizziViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TerlizziViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.