Vito Damato
Vito Damato
Politica

Dure sferzate a Gemmato nel comizio di Città Civile

Ancora un appello a costruire un'alternativa con le forze di centrosinistra

«Chi fa politica deve incontrare la città». È questo il monito che ha guidato il comizio di Città Civile di lunedì scorso, 30 settembre. Sebbene si tratti di un'attività faticosa e impegnativa, l'ascolto e il confronto con i cittadini non possono essere relegati ai social network né tantomeno alle mura dei palazzi e degli uffici. Stare tra la gente e riscoprire i volti sono alla base del contatto umano e della conseguente riconnessione con il tessuto sociale.

È doloroso, secondo Daniela Zappatore, segretario di Città Civile, fare i conti con «l'edonismo» dell'amministrazione Gemmato, tanto spavaldo da far affermare a un assessore, nell'ultima seduta di consiglio comunale, che la fazione politica di maggioranza governerà per molti anni ancora, confermandosi pure nella prossima legislatura, facilitata anche dalle frammentazioni della sinistra.

Zappatore ha spiattellato all'uditorio quello che, secondo l'opposizione, è stato e soprattutto non è stato fatto. Possono sembrare molteplici gli obiettivi conseguiti negli anni, la maggior parte attinenti a profili urbanistici: si pensi alle giostrine, al numero esiguo di strade messe a punto, alle due rotatorie, a largo Torino, al restyling di Corso Dante e all'introduzione della raccolta differenziata.

Eppure, secondo il segretario del movimento civico, si è ancora lontani dal raggiungere mete ben più importanti. Alcuni punti del programma di Gemmato del 2012 sono stati messi in archivio, come ad esempio il PUG. Per non parlare della raccolta differenziata fuori controllo, dell'abbandono dei rifiuti, dell'aumento della Tari e dei roghi tossici. A tutto ciò si aggiungono la mancata manutenzione delle scuole, gli atti di bullismo, le palme bruciate al parco comunale, gli uffici ancora dislocati nel mercato dei fiori, gli impiegati comunali ridotti all'osso.

Uno scenario a dir poco «penoso» che Città Civile vuole ribaltare costruendo un'alternativa seria, in sinergia con le altre forze di centrosinistra. «Chi ha affermato di voler continuare a governare, probabilmente o difetta di consapevolezza oppure è talmente ripiegato su se stesso che si compiace del ruolo che ricopre a tal punto da essere proiettato solamente sui propri interessi», asserisce in maniera dura Zappatore.

«La città mi sembra avvolta da una cappa che non aiuta a far emergere le bellezze e qualità di cui dispone e la responsabilità è soprattutto dell'amministrazione Gemmato che agisce nel paese senza alcuna visione e strategie, e nelle sedi istituzionali senza rispetto per le opposizioni e per i cittadini dagli stessi rappresentati», chiosa Vito D'amato, consigliere comunale di Città Civile.

Emerge l'amarezza per aver vissuto, a fine settembre, una due giorni di consiglio comunale colmato solamente da un grande senso di vuoto. La critica della minoranza sottolinea non solo la convocazione della seduta di massima assise, dopo una pausa estiva di due mesi, con più di venti punti all'ordine del giorno, ma anche la derisione delle opposizioni, zittite senza ricevere risposte sulle proposte avanzate.

«Basta! Abbiamo bisogno di aria nuova, per questo ci dobbiamo subito mettere in moto da dare voce, spazio e opportunità alla città che vuole progettare una realtà diversa, migliore!», conclude D'amato, «Città civile si mette al servizio di cittadini, associazioni, gruppi organizzati e non, partiti politici con i quali costruire una solida, reale e convincente proposta di amministrazione».


Comizio Citt CivileDaniela Zappatore
  • Città Civile
  • Vito D'Amato
  • daniela zappatore
Altri contenuti a tema
Festival per la Legalità 2020: a luglio la nona edizione Festival per la Legalità 2020: a luglio la nona edizione Nelle prossime settimane sarà comunicato il programma completo
Roghi tossici: Città Civile chiede una commissione d'inchiesta Roghi tossici: Città Civile chiede una commissione d'inchiesta Se ne discuterà nel prossimo Consiglio comunale
17.000 euro per la cartellonistica: Città Civile contesta le scelte dell'Amministrazione comunale 17.000 euro per la cartellonistica: Città Civile contesta le scelte dell'Amministrazione comunale Dal movimento di opposizione tanti interrogativi sull'operato della Giunta
Città Civile chiede l'apertura degli esercizi commerciali il 23 aprile Città Civile chiede l'apertura degli esercizi commerciali il 23 aprile Si vogliono evitare assembramenti dal 24 al 26 aprile
Città Civile propone misure di esenzione sui tributi locali Città Civile propone misure di esenzione sui tributi locali La richiesta è stata protocollata dal consigliere Vito D'amato
Vito D'Amato: «Mascherine in tutti i luoghi pubblici chiusi e aperti» Vito D'Amato: «Mascherine in tutti i luoghi pubblici chiusi e aperti» La richiesta è stata protocollata al sindaco Ninni Gemmato
Vito D'amato sul Coronavirus: «Gemmato non sta adottando misure idonee. Noi abbiamo proposte concrete» Vito D'amato sul Coronavirus: «Gemmato non sta adottando misure idonee. Noi abbiamo proposte concrete» Il consigliere di Città Civile su ospedale Sarcone: «Non mi pare un potenziamento, ma Gemmato sta facendo campagna elettorale»
Bufera sul PalaFiori, Città Civile: «un vero affare per gli amici degli amici» Bufera sul PalaFiori, Città Civile: «un vero affare per gli amici degli amici» Il movimento civico attacca l'Amministrazione per la gestione della struttura sportiva
© 2001-2020 TerlizziViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TerlizziViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.