poliziotto volpe
poliziotto volpe
Cronaca

Commozione per la scomparsa di Giuseppe Volpe, poliziotto terlizzese esempio di abnegazione

Stroncato da una malattia, il ricordo degli amici e colleghi


Sta commuovendo tutta Terlizzi la storia di Giuseppe Volpe, 43enne assistente capo della Polizia di Stato, terlizzese, dopo un primo periodo trascorso alla Polizia di Frontiera dell'aeroporto Malpensa di Milano, era da circa sette anni ad Andria, in servizio alla squadra Volanti del Commissariato della Polizia di Stato. L'uomo è scomparso dopo una terribile malattia, non senza lasciare un bellissimo ricordo tra amici e colleghi che lo ricordano così:
«Se qualche parola potesse rappresentare al meglio una persona con cui in circa sette anni, passati gomito a gomito, si sono condivise le situazioni più disparate, queste possono essere esempio e abnegazione.
Veder spegnere la vita di un amico riesce difficile a tutti. E se questa persona, lottando con una bastarda malattia, riesce a non far venire meno l' affetto, l' abnegazione, verso la famiglia, il lavoro e gli amici, anche il giorno prima di lasciare questa terra, bè allora veramente le parole diventano superflue addirittura inutili. Quindi sarà meglio raccontare chi era questo amico.

Giorno e notte, turni impensabili con i festivi compresi, tenendo conto delle esigenze di moglie Rossana e figlia Giorgia, hanno fatto conoscere ed apprezzare Giuseppe ai colleghi ma anche a coloro che per un motivo o un altro, dovevano rapportarsi con la squadra Volanti. Difficile trovarlo scontroso: affabile e disponibile, sempre professionale e soprattutto un Amico.
Inutile dire che chi trascorre 23 anni della propria vita in Polizia lo fa soprattutto perché crede in qualcosa, in valori che a qualcuno sanno di retorica, ma che sa che il proprio lavoro serve alla collettività, a dare in alcuni casi speranza e parole di conforto a chi si imbatte in eventi spiacevoli.

Avrebbe potuto chiedere trasferimenti o la cessazione dal servizio attivo da circa 4 anni, invece Giuseppe ha lavorato sempre, fino all'ultimo giorno, il 2 agosto scorso prima di lasciarci. In questi ultimi anni, quando i colleghi lo vedevano più debilitato del solito, chiedevano loro che rimanesse in ufficio, così da dargli una mano nei rapporti e nelle carte da inviare ai vari uffici.
Quando anche Andria è stata chiamata a fare la sua parte nei rinforzi che sono giunti a Bitonto dopo l'omicidio infame della ignara pensionata, anche Giuseppe ha fatto la sua parte. Da gennaio, per tre mesi ha partecipato ai servizi di rinforzo per il controllo del territorio, perché lui credeva in questo Stato, in quegli alamari color cremisi, nel fatto che uniti si riesce a vincere la criminalità.
Tanti colleghi, anche trasferiti ed alcuni dei dirigenti che si sono succeduti in via Rossini non lo hanno dimenticato, come Massimo Modeo, Luciano Di Prisco, Fabrizio Gargiulo, Leonida Marseglia e Gerardo Di Nunno.
giuseppe volpe
  • Giuseppe Volpe
Altri contenuti a tema
Andria ricorda il poliziotto terlizzese Volpe nel giorno di San Michele Andria ricorda il poliziotto terlizzese Volpe nel giorno di San Michele In occasione della ricorrenza dedicata al patrono della Polizia di Stato
La Corrente: «Tavolo con sindaci e forze dell'ordine per la sicurezza stradale e la raccolta rifiuti» La Corrente: «Tavolo con sindaci e forze dell'ordine per la sicurezza stradale e la raccolta rifiuti» Il partito denuncia i pericoli sulle strade e l'inquinamento di costa e agro
4 Barione, Caldarola ed Allegretti, i nuovi presidenti delle commissioni consiliari permanenti Barione, Caldarola ed Allegretti, i nuovi presidenti delle commissioni consiliari permanenti Giuseppe Volpe e Nicola Morrone eletti vicepresidenti
Che fine ha fatto "Libertà è Partecipazione"? Che fine ha fatto "Libertà è Partecipazione"? Il movimento civico sembra essersi preso un pausa di riflessione
Notte bianca della scuola, gli insegnanti proseguono la protesta Notte bianca della scuola, gli insegnanti proseguono la protesta Ieri sera la riunione del coordinamento terlizzese contro la riforma della scuola
Il ddl 'buona scuola' approvato dalla Camera, anche Terlizzi si prepara alle proteste Il ddl 'buona scuola' approvato dalla Camera, anche Terlizzi si prepara alle proteste Fissata per venerdì l'assemblea sindacale
Maggioranza e opposizione, pace fatta? Intanto fuori dall'aula è protesta. Maggioranza e opposizione, pace fatta? Intanto fuori dall'aula è protesta. Una parte dell'opposizione torna in consiglio comunale e la seduta si aggiorna a martedì 3 marzo
© 2001-2018 TerlizziViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TerlizziViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.