coldiretti giovani
coldiretti giovani

Coldiretti, dal decreto su Xylella solo briciole per gli agricoltori

“Il Decreto Legge ha stanziato risorse insignificanti »

"Alla luce del Decreto Legge che è una scatola vuota e destina alle aziende colpite da Xylella solo briciole rispetto ad un danno sottostimato di 1,2 miliardi di euro, i 30 milioni di euro stanziati con Fondi CIPE per il 2019 risultano a questo punto insufficienti perché solo 15 milioni andranno alle aziende olivicole colpite dalla grave fitopatia per il ripristino della potenzialità produttiva, mentre gli altri 15 milioni saranno destinati ad altro, attività certamente importanti ma che non aiutano nel breve periodo gli olivicoltori. Nel dettaglio 3 milioni di euro andranno alla ricerca e alla sperimentazione, 4 milioni alla prevenzione della diffusione della Xylella, 2 milioni per il potenziamento del servizio fitosanitario per il supporto alle attività ispettive e 1 milioni di euro per la comunicazione istituzionale e altri 5 milioni per un non meglio precisato rilancio dell'economia nelle aree danneggiate", lamenta il presidente di Coldiretti Puglia, Savino Muraglia, in merito alla delibera CIPE pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale.

"Il Decreto Legge ha stanziato risorse insignificanti e la copertura dei costi sostenuti dalle imprese olivicole per gli interessi sui mutui bancari – aggiunge Muraglia - non è proporzionale all'effettivo costo, ma viene assegnato un identico ammontare, a prescindere dal danno, sminuendo di fatto l'efficacia della misura".

Solo nell'area infetta rientrano 183mila ettari e 22 milioni di alberi e contro il dilagare della Xylella che è arrivata a Monopoli – dice ancora Coldiretti - i fondi UE per monitoraggi e test di campionamento, 3 milioni di euro per tutto il territorio italiano e per altri 7 patogeni della stessa categoria, sono un somma ridicola.

"Neppure con il PSR l'Assessore regionale Di Gioia – incalza Gianni Cantele, presidente di Coldiretti Lecce - è riuscito ad aiutare gli olivicoltori dell'area infetta, con 536 aziende finanziabili con il bando per la ricostituzione del patrimonio olivicolo che, dopo tre mesi di istruttoria, non hanno ricevuto la necessaria autorizzazione all'espianto degli alberi infetti, nonostante sia passato in Consiglio regionale il 21 dicembre scorso, su sollecitazione di Coldiretti, la norma di semplificazione che permette di derogare ai vincoli ambientali, forestali e idrogeologici di carattere regionale. Ciò avrebbe consentito – precisa Cantele - di sbloccare subito almeno 200 pratiche di olivicoltori che devono reimpiantare. Sono 16 milioni di euro bloccati a cui si aggiungono 32 milioni di euro di un altro bando del PSR per gli investimenti delle imprese olivicole dell'area infetta, il cui avviso pubblico è stato approvato l'8 marzo ed è ancora al palo anche il bando del PSR per i frantoi, altri 50 milioni di euro tuttora inutilizzati".
Sono stati quasi 6mila gli agricoltori, i frantoiani e i vivaisti con i trattori insieme a cittadini e rappresentanti della società civile che hanno invaso Piazza Sant'Oronzo a Lecce contro la gestione inconcludente della Regione Puglia dell'emergenza Xylella che ha devastato milioni di ulivi in Puglia e dal Salento sta avanzando inesorabile verso Nord.
"Non è stato fatto nulla per i frantoiani che ormai al collasso stanno vendendo le macchine di produzione in mancanza di olive da molire, i vivaisti tuttora non possono movimentare le piante all'interno dell'area infetta, dopo aver speso erroneamente tempo e soldi per dotarsi di impianti di termoterapia che non sono serviti a nulla per mancanza di una firma su una autorizzazione, in assenza di alcun aiuto regionale", conclude il presidente Cantele.
  • xylella
  • Coldiretti Puglia
Altri contenuti a tema
Siccità, in Puglia persi 14 milioni di metri cubi d'acqua in una settimana Siccità, in Puglia persi 14 milioni di metri cubi d'acqua in una settimana L'analisi e la denuncia di Coldiretti Puglia
Caldo in Puglia: +25% negli acquisiti di frutta Caldo in Puglia: +25% negli acquisiti di frutta Tutti i dati forniti da Coldiretti
Coldiretti Puglia: «Gelato artigianale preferito dal 50% dei pugliesi» Coldiretti Puglia: «Gelato artigianale preferito dal 50% dei pugliesi» In regione tanto lavoro per circa 3000 gelaterie e 5500 addetti
Riapertura matrimoni salva 100mila posti di lavoro Riapertura matrimoni salva 100mila posti di lavoro I dati forniti dal Coldiretti Puglia
Le associazioni agli enti pubblici: «Solo 10 giorni per i trattamenti anti-Xylella» Le associazioni agli enti pubblici: «Solo 10 giorni per i trattamenti anti-Xylella» L'Amministrazione di Terlizzi spronata ad operare in fretta per scongiurare il proliferare della "sputacchina"
Xylella, La Corrente: «Comune di Terlizzi promuova iniziative per divulgare buone pratiche» Xylella, La Corrente: «Comune di Terlizzi promuova iniziative per divulgare buone pratiche» Una nota del movimento civico pone l'attenzione sull'importanza della prevenzione nella diffusione del vettore
Pasqua, Coldiretti Puglia: «Il 5% dei pugliesi ha festeggiato da solo» Pasqua, Coldiretti Puglia: «Il 5% dei pugliesi ha festeggiato da solo» Lo studio che certifica anche lo stato di indigenza di 210mila persone in regione
Primavera natalizia nel nord barese. Si temono danni alle colture anche a Terlizzi Primavera natalizia nel nord barese. Si temono danni alle colture anche a Terlizzi La denuncia di Coldiretti Puglia, dopo le gelate delle scorse ore dal Gargano alla Murgia
© 2001-2021 TerlizziViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TerlizziViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.