La conferenza stampa di Polizia di Stato e Guardia di Finanza
La conferenza stampa di Polizia di Stato e Guardia di Finanza
Cronaca

Bitonto all'assalto dei bancomat francesi: nel gruppo anche un terlizzese di 39 anni

Nei guai anche il sorvegliato speciale Giuseppe Tarantino. Operazione di Polizia e Finanza: sequestrati beni per circa 60 milioni

Ammonta a circa 60 milioni di euro il provvedimento di sequestro anticipato di beni mobili, immobili e disponibilità finanziarie eseguito questa mattina dalla Polizia di Stato di Bari e dalla Guardia di Finanza su ordine del Tribunale di Bari su proposta del Questore di Bari.

I beni sequestrati comprendono un appartamento a Palo del Colle, due ville a Bari-Palese, 6 terreni agricoli a Bitonto e Bari-Palese, 2 bar a Bitonto, una quota di partecipazione in una società a responsabilità limitata nonché un intero compendio aziendale costituito da beni in comodato d'uso, 2 auto e numerosi buoni fruttiferi bancari e postali e conti correnti.
3 fotoBitonto all'assalto dei bancomat francesi: nel gruppo anche un terlizzese di 39 anni
Bitonto all'assalto dei bancomat francesi: nel gruppo anche un terlizzese di 39 anniBitonto all'assalto dei bancomat francesi: nel gruppo anche un terlizzese di 39 anniBitonto all'assalto dei bancomat francesi: nel gruppo anche un terlizzese di 39 anni
Il provvedimento, disposto dal Tribunale di Bari, in funzione di Tribunale della Prevenzione del Tribunale di Bari presieduta da Giulia Romanazzi, segue ad indagini condotte dalla Polizia Francese ed all'arresto degli appartenenti al gruppo criminoso eseguito nel 2017 da personale della Squadra Mobile della Questura di Bari, sulla base del mandato di arresto europeo emesso dal Tribunale francese di Lille per i reati di associazione a delinquere finalizzata alla commissione di furti e rapine a sportelli bancomat, commessi in Francia tra il 2014 ed il 2015.

Le otto persone coinvolte nell'inchiesta - con tre uomini di Bitonto, anche tre di Bari, uno di Modugno ed uno di Palo del Colle - erano state arrestate dalla Polizia il 18 marzo dell'anno scorso in collaborazione con la gendarmeria di Lille, in Francia, con l'accusa di aver messo a segno una serie di colpi ai bancomat nel nord della Francia, nelle città di Laon, Saint-Pathus, Witry les Reims, Bondoufle e Clécy.

Gli appartenenti al gruppo criminoso, invece, sono il 63enne bitontino Vincenzo Cozzella, sono il 36enne barese Ciro Enzo Gregorio, il 26enne modugnese Luigi Leone, il 41enne barese e sorvegliato speciale Roberto Piscopo ed il terlizzese e sorvegliato speciale 39enne Giuseppe Tarantino.

Secondo gli inquirenti, il gruppo partiva il lunedì da Bitonto, con vetture a noleggio, alloggiando in Francia in pensioni di fortuna. Dopo aver programmato e messo a segno il colpo, agendo sempre di notte, muniti di walkie-talkie e a volto coperto, il venerdì tornavano in Puglia. Secondo quanto appurato dagli investigatori, sarebbero entrati ogni volta in azione disattivando le telecamere di sorveglianza per poi scassinare i bancomat con pale e picconi.

Le indagini sono partite da una traccia di Dna e alcune impronte digitali lasciate su un piccone abbandonato davanti a un bancomat appena scassinato. Dall'incrocio dei tabulati telefonici, inoltre, gli inquirenti hanno individuato una rete di contatti con soggetti residenti in Francia che potrebbero aver fornito alla banda supporto logistico.Gli arrestati, traditi dalle impronte digitali su un piccone abbandonato dopo una rapina, erano sconosciuti al fisco. «Persone che non svolgono alcuna attività e che gestiscono un patrimonio di svariati milioni di euro», ha spiegato il comandante provinciale della Guardia di Finanza, il generale Nicola Altiero, in conferenza stampa. Il questore di Bari, Carmine Esposito, ha sottolineato l'importanza della collaborazione con le forze di polizia internazionali.

Tra i beni mobili e immobili sequestrati ci sono anche una quota societaria ed un intero compendio aziendale di una società di fabbricazione di carrozzerie per autoveicoli sita a Bitonto, due imprese individuali con attività di ristorazione-bar site a Bitonto e numerosi conti correnti bancari e postali, risultati a seguito delle indagini svolte, nella loro piena disponibilità, diretta ed indiretta.
  • Polizia di Stato Terlizzi
  • Arresti Terlizzi
  • Giuseppe Tarantino
Altri contenuti a tema
Emergenza Coronavirus, la Polizia avverte: «Attenzione ai falsi annunci» Emergenza Coronavirus, la Polizia avverte: «Attenzione ai falsi annunci» La Questura di Bari ribadisce di «non aprire la porta a persone sconosciute e, in caso di dubbi, a contattare le forze dell'ordine»
Viola il decreto sul Coronavirus per spacciare: arrestata una 40enne Viola il decreto sul Coronavirus per spacciare: arrestata una 40enne Sequestrati dai Carabinieri oltre 50 grammi di eroina. Condotto in carcere un 65enne
Derubava prostitute dopo rapporti: arrestato terlizzese Derubava prostitute dopo rapporti: arrestato terlizzese L'operazione condotta dalla Polizia Locale. E l'Assessore Allegretti si congratula
Entra in auto, gli ruba il cellulare e scappa: arrestato un 30enne Entra in auto, gli ruba il cellulare e scappa: arrestato un 30enne Fondamentali le indicazioni fornite dalla vittima: l'uomo, rintracciato dai Carabinieri, è stato tradotto in carcere
Operazione "Anno Zero", Lamorgese: «Congratulazioni a magistratura e Carabinieri» Operazione "Anno Zero", Lamorgese: «Congratulazioni a magistratura e Carabinieri» Il ministro dell'Interno plaude al blitz di questa notte contro il clan Dello Russo
Traffico di armi e droga, chiuso il cerchio sui Dello Russo: 25 arresti Traffico di armi e droga, chiuso il cerchio sui Dello Russo: 25 arresti Operazione dei Carabinieri: il clan riforniva di droga diverse città. Le indagini avviate nel 2014
Operazione "Gran Bazar": condanne complessive a 98 anni di carcere Operazione "Gran Bazar": condanne complessive a 98 anni di carcere Eseguiti 13 ordini di carcerazione. La base dell'organizzazione a Bisceglie, ma con propri referenti anche a Terlizzi
Faida nel Salento: la targa dell'auto usata dal killer rubata a Terlizzi Faida nel Salento: la targa dell'auto usata dal killer rubata a Terlizzi All'Audi condotta da un 24enne, arrestato dai Carabinieri, era stata sostituita la targa con un’altra sottratta da un’auto a Terlizzi
© 2001-2020 TerlizziViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TerlizziViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.