mercato dei fiori
mercato dei fiori

Anche a Terlizzi i vivaisti in stato di agitazione: stamattina manifestazione a Monopoli

Al centro della protesta la Xyella e le lentezze della Regione

Inizia una lunga settimana di proteste nel mondo dell'agricoltura, della floricoltura e del vivaismo. Questa mattina numerosi vivaisti e floricoltori terlizzesi parteciperanno alla manifestazione di protesta organizzata a Monopoli: in primo piano ancora una volta le problematiche che incombono sul settore vivaistico in Puglia, a causa dell'emergenza fitosanitaria da Xylella fastidiosa.

I vivaisti lamentano in particolare i danni di mancata produttività, competitività e discriminazione causata dagli adempimenti e dalle impossibilità di produrre "piante specificate" nell'area delimitata a Xylella in continuo avanzamento, rinvenenti da una riluttante collaborazione tra il Mipaaft e la Regione Puglia e l'immobilismo dell'Osservatorio fitosanitario regionale:

I vivaisti hanno dichiarato lo stato di agitazione. Questa mattina alle ore 9,30, presso i Vivai Agricoltura Giovane Coop. di Monopoli, si terrà la conferenza stampa a cui saranno invitati, l'assessore regionale Leonardo Di Gioia, consiglieri regionali - presidenti delle Commissioni consiliari regionali 3° e 4°, rispettivamente Fabiano Amati e Donato Pentassuglia, i sindaci dei Comuni con maggiore presenza di vivai, le organizzazioni di categoria agricola, i sindacati dei lavoratori e tutti gli organi di stampa nazionale e locale.

Alla mobilitazione saranno presenti i titolari dei vivai ed i dipendenti, che manifesteranno consegnando le chiavi delle aziende all'Assessore Di Gioia e le lettere di licenziamento degli operai alle rappresentanze sindacali. Azioni conseguenti all'impossibilità di produrre "piante specificate", nonostante le richieste di deroga avanzate da mesi dalle aziende vivaistiche e la espressa volontà dal marzo 18 ad oggi del Comitato Fitosanitario Nazionale di consentire la libera produzione e movimentazione di "piante specificate" in zona infetta. «Per troppo tempo abbiamo dialogato, scritto, assecondato, urlato sui palchi. Il tempo è scaduto, non abbiamo altra scelta!»
  • Floricoltura
  • mercato
  • xylella
  • vivaisti
Altri contenuti a tema
Le associazioni agli enti pubblici: «Solo 10 giorni per i trattamenti anti-Xylella» Le associazioni agli enti pubblici: «Solo 10 giorni per i trattamenti anti-Xylella» L'Amministrazione di Terlizzi spronata ad operare in fretta per scongiurare il proliferare della "sputacchina"
Xylella, La Corrente: «Comune di Terlizzi promuova iniziative per divulgare buone pratiche» Xylella, La Corrente: «Comune di Terlizzi promuova iniziative per divulgare buone pratiche» Una nota del movimento civico pone l'attenzione sull'importanza della prevenzione nella diffusione del vettore
La Xylella avanza: le richieste di Oliveti Terra di Bari La Xylella avanza: le richieste di Oliveti Terra di Bari Si punta a sensibilizzare ulteriormente gli agricoltori, coinvolgendo i comuni. Importanti le arature obbligatorie ed trattamenti fitosanitari
Oliveti Terra di Bari chiede chiarezza sul focolaio di Xylella nella Bat Oliveti Terra di Bari chiede chiarezza sul focolaio di Xylella nella Bat Sicolo: «Istituzioni dispongano interventi drastici per salvare il più grande patrimonio olivicolo mondiale»
Xylella a Canosa: Coldiretti Puglia mette sotto accusa barriere "colabrodo" Xylella a Canosa: Coldiretti Puglia mette sotto accusa barriere "colabrodo" In apprensione il comparto olivicolo terlizzese e di tutto il Nord Barese, tra i maggiori produttori oleari in Italia
1 Xylella, focolaio in un vivaio di Canosa. In allerta il comparto olivicolo di Terlizzi Xylella, focolaio in un vivaio di Canosa. In allerta il comparto olivicolo di Terlizzi Spagnoletti Zeuli: «Si può circoscrivere, Regione Puglia non perda tempo»
Xylella, la sputtachina percorre fino a 400 metri Xylella, la sputtachina percorre fino a 400 metri Il risultato di uno studio condotto dalle Università di Torino e di Brescia, il CRSFA di Locorotondo e l'IPSP del CNR di Bari e Torino
La Xylella arriva nella ex provincia di Bari La Xylella arriva nella ex provincia di Bari Cinque ulivi infetti a Locorotondo. Coldiretti Puglia accusa l'Unione Europea e le politiche nazionali
© 2001-2021 TerlizziViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TerlizziViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.