Mons. Domenico Cornacchia
Mons. Domenico Cornacchia
Chiesa locale

Pasqua, il Vescovo alla Diocesi: «Prendiamoci cura gli uni degli altri»

Il messaggio di auguri e speranza da parte di Monsignor Domenico Cornacchia

È certamente una Pasqua difficile, quella che ci apprestiamo a vivere, ma il messaggio ai fedeli di Monsignor Domenico Cornacchia guarda alla luce della vita nuova e ci proietta ad un'esistenza fatta di amore e cura verso gli altri. Di seguito il suo messaggio.

I due Angeli così si rivolsero alle donne che il mattino di Pasqua si recarono al Sepolcro dove era stato deposto Gesù. Questo interrogativo deve scuoterci, animarci e metterci in cammino, scrutando e additando la luce del mattino di Pasqua a chi è ancora nelle tenebre della solitudine e dell'angoscia. Certo, come dice Papa Francesco: "Siamo in bilico: tra ombre di questo momento lugubre e denso di paura e la speranza" (Fratelli tutti, 54-55). Realmente è così. Mai come in una notte insonne, si desidera l'alba del giorno nuovo! Questo è il nostro stato d'animo. Questa è la lunga notte dell'intera umanità provata dalla pandemia, dalla fame, dalla mancanza di libertà e di pace, sia a livello individuale e familiare sia universale.
Quest'anno festeggiamo in modo particolare San Giuseppe, a centocinquant'anni dalla sua proclamazione a patrono universale della Chiesa. Nella sua Lettera Apostolica Patris corde, Papa Francesco ci invita a contemplare l'umile falegname di Nazaret, come colui che mai si è arreso dinanzi ai dubbi della vita; come colui che si è sempre fidato ed affidato al Signore, facendosi discepolo e custode di suo Figlio Gesù. È una bella coincidenza.
A San Giuseppe "protettore dell'infanzia, degli sposi, della famiglia, dei lavoratori, delle vergini, dei profughi, dei morenti" (San Paolo VI, 1969), ci rivolgiamo con particolare affetto e devozione.
Coraggio, fratelli e sorelle! Prendiamoci cura gli uni degli altri; facciamoci buoni cirenei di coloro che fanno fatica a portare la loro croce. Sappiamo che la cura non è sinonimo di guarigione, ma questa, certamente, non c'è senza quella. Noi facciamo la nostra parte e chiediamo al Signore che trasformi il lutto in gioia, il dolore in letizia e la morte in vita. Stare in croce è solo collocazione provvisoria (cf Tonino Bello). La vera e definitiva collocazione è quella della Pasqua di Risurrezione, della vita e della luce senza tramonto. Facciamoci diffusori di questa verità. Non cerchiamo il Vivente tra i morti, ma portiamo semi di vita eterna, ovunque ci sono gemiti di sofferenza e di disperazione.
A tutti, vicini e lontani, credenti e non, giunga il mio abbraccio fraterno e paterno! Un grazie sincero e corale vada a quanti, in ogni modo, sono in prima linea, a soccorrere le vittime del Covid19 e di ogni altro disagio. Cristo ci faccia assaporare la gioia della Risurrezione e del trionfo della vita sulla morte.
Auguri di Risurrezione!


+ Mons. Domenico Cornacchia –Vescovo
  • vescovo mons. cornacchia
Altri contenuti a tema
Consegnate ieri sera le chiavi della città di Terlizzi alla Madonna del Rosario Consegnate ieri sera le chiavi della città di Terlizzi alla Madonna del Rosario Cerimonia celebrata nel 380° anniversario della costituzione della Confraternita del Rosario
Grande partecipazione in Concattedrale alla Messa pontificale in onore della Madonna di Sovereto Grande partecipazione in Concattedrale alla Messa pontificale in onore della Madonna di Sovereto Emozioni anche grazie al coro terlizzese Jubilaeum
Il vescovo a Terlizzi incontra tutti i religiosi della diocesi Il vescovo a Terlizzi incontra tutti i religiosi della diocesi Appuntamento è presso la Fraternità di Betania
Il vescovo Cornacchia in visita pastorale: «Terlizzi mi sta davvero a cuore» Il vescovo Cornacchia in visita pastorale: «Terlizzi mi sta davvero a cuore» Il sindaco: «Le istituzioni siano magistero e ministero al tempo stesso»
Il vescovo incontra imprenditori e lavoratori Il vescovo incontra imprenditori e lavoratori Dalla diocesi attenzione ai problemi sociali legati al lavoro
È Vincenzo Colasanto il nuovo presidente del comitato Festa Maggiore È Vincenzo Colasanto il nuovo presidente del comitato Festa Maggiore La notizia arriva in netto anticipo rispetto agli scorsi anni
Gli auguri del vescovo di mons. Domenico Cornacchia Gli auguri del vescovo di mons. Domenico Cornacchia Il messaggio video a cura di Luce e Vita
Nelle parrocchie di Terlizzi una colletta per i terremotati Nelle parrocchie di Terlizzi una colletta per i terremotati Mons. Cornacchia ha voluto che la diocesi aderisse all'iniziativa della CEI
© 2001-2021 TerlizziViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TerlizziViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.