Passaporto
Passaporto
Attualità

Nuovo DPCM, a Natale e Capodanno stop agli spostamenti?

Le anticipazioni dopo la riunione tra Conte, Boccia e le delegazioni regionali

Mentre si discute di un probabile "cambio di colore" per la Puglia - che stando al recente miglioramento dell'indice Rt potrebbe passare presto in zona gialla, anche se non lascia affatto tranquilli la percentuale di positivi su tamponi effettuati - c'è grande attenzione per i contenuti del DPCM "di Natale", cioè quello che definirà gli obblighi da seguire a livello nazionale durante il periodo delle festività natalizie.

Il nuovo decreto che dovrebbe entrare in vigore da venerdì prossimo 4 dicembre, potrebbe contenere una stretta sugli spostamenti non necessari, non solo tra Regioni ma anche tra singoli Comuni. Come riporta l'Ansa, lo stop agli spostamenti tra Comuni potrebbe valere nei giorni del 25 e 26 dicembre e del primo gennaio. Dal 21 dicembre, inoltre, viaggiare tra Regioni gialle potrebbe essere consentito solo per far ritorno al proprio luogo di residenza, quindi con autocertificazione al seguito. Non dovrebbero essere modificati, a quanto si apprende, i criteri che, fin dal DPCM del 3 novembre scorso, definiscono le eccezioni: ci si può muovere per "comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute". Stop quasi certo, sempre dal 21 dicembre, agli spostamenti tra le Regioni per raggiungere le seconde case.

Si tratta delle anticipazioni emerse dalla riunione del Premier Giuseppe Conte con il Ministro per gli Affari Regionali Francesco Boccia e con i capi delegazione regionali. Queste misure - come spiegato ieri da Conte - serviranno a disegnare una "zona gialla rafforzata" che ci aiuterà ad evitare la tanto temuta terza ondata Covid.
  • Spostamenti tra regioni
Speciale Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutti gli aggiornamenti

493 contenuti
Altri contenuti a tema
Coronavirus Puglia: nelle ultime ore il 10,29% dei tamponi risultati positivi Coronavirus Puglia: nelle ultime ore il 10,29% dei tamponi risultati positivi Ieri registrati altri 31 morti. Situazione non aggiornata a Terlizzi
Coronavirus: oltre 55.000 i guariti pugliesi. Ieri 26 decessi e 1275 nuovi contagiati Coronavirus: oltre 55.000 i guariti pugliesi. Ieri 26 decessi e 1275 nuovi contagiati A Terlizzi sono 254 gli attualmente positivi
Covid in Puglia: 26 decessi e 1159 nuovi contagiati nelle ultime ore. Ma i guariti sono più di 53.000 Covid in Puglia: 26 decessi e 1159 nuovi contagiati nelle ultime ore. Ma i guariti sono più di 53.000 Aumentano le persone in terapia intensiva: sono 148
Diminuiscono gli attualmente positivi al Covid a Terlizzi. In Puglia aumentano i guariti e scendono gli altri parametri Diminuiscono gli attualmente positivi al Covid a Terlizzi. In Puglia aumentano i guariti e scendono gli altri parametri Ieri 16 decessi, 850 nuovi casi e 1.155 guarigioni in regione
In Puglia sono 403 i nuovi contagiati e 985 i guariti. Ieri altri 26 decessi In Puglia sono 403 i nuovi contagiati e 985 i guariti. Ieri altri 26 decessi Non ci sono stati aggiornamenti comunali sull'evoluzione epidemiologica a Terlizzi
Coronavirus: superati 50.000 guariti in Puglia Coronavirus: superati 50.000 guariti in Puglia Ieri registrati altri 25 decessi e 908 nuovi contagiati
Covid-19: oltre 56mila attualmente positivi in Puglia. Ieri decedute altre 15 persone Covid-19: oltre 56mila attualmente positivi in Puglia. Ieri decedute altre 15 persone Sono guarite 927 persone. A Terlizzi nessun aggiornamento sulla situazione epidemiologica
Scuola: Emiliano conferma didattica a distanza per le superiori e quella integrata per primarie e medie Scuola: Emiliano conferma didattica a distanza per le superiori e quella integrata per primarie e medie Firmata l'ordinanza con cui si riorganizza l'attività da lunedì 18 gennaio
© 2001-2021 TerlizziViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TerlizziViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.