La raccolta delle olive
La raccolta delle olive
Territorio

Nuovo contratto provinciale agricolo in Terra di Bari

Per la Confederazione Italiana Agricoltori «la soluzione migliore per la crescita economica e sociale del comparto»

Le tre principali organizzazioni datoriali agricole e due sindacati dei lavoratori hanno fatto squadra per difendere il nuovo contratto di lavoro, per gli operai agricoli e florovivaisti delle province Bari e B.A.T., che risponde alle esigenze delle aziende a fronte di una retribuzione adeguata.

Durante la conferenza stampa, tenutasi venerdì 11 agosto nella sala azzurra della Camera di Commercio di Bari, Cia, Confagricoltura, Coldiretti, Cisl e Uila territoriali, hanno presentato con soddisfazione i principali punti del nuovo contratto provinciale agricolo. A ciò si aggiunge che il nuovo accordo ha istituito anche un Osservatorio che vigilerà sull'evoluzione degli standard occupazionali del comparto.

Alla conferenza erano presenti Michele Lacenere, presidente Confagricoltura Bari-Bat, Marino Pilati, direttore provinciale Coldiretti, Giuseppe Creanza, direttore provinciale della Cia di Bari, Felice Ardito, presidente della Cia provinciale B.A.T., Pietro Buongiorno, segretario generale Uila Puglia e Pasquale Fiore, segretario generale Cisl Bari-B.A.T..

Dopo oltre 18 mesi di trattative, finalmente è stato rinnovato il contratto per gli operai e i braccianti agricoli delle province di Bari e BAT. In questi 18 mesi, non sono mancati momenti di duro confronto tra le parti.

Felice Ardito, presidente della Cia B.A.T., da un lato esprime la propria soddisfazione per il risultato ottenuto: «Un risultato che dà una risposta positiva alle esigenze di tutte le parti, con un accordo che è stato accolto come punto avanzato di mediazione tra le istanze legittime dei lavoratori e delle aziende agricole.

Dall'altro - ha continuato - non si può non sottolineare come sia impensabile vanificare una trattativa lunga e complicata, perché ha dovuto conciliare le esigenze del mondo imprenditoriale e dei lavoratori.

Riteniamo paradossale - ha proseguito - che una linea condivisa da tutti e su tutti i territori provinciali della Puglia, con attenta mediazione e senso di responsabilità, venga tradita propria nelle province di Bari e BAT, dove maggiori sono le sensibilità e più sentita è l'esigenza che vengano applicati salari reali, per aiutare tutti a uscire da quella sacca di grigio che ostacola il corretto sviluppo del settore agricolo e aprire una nuova fase di trasparenza dei rapporti di lavoro in agricoltura.

Oltremodo riteniamo inopportuno quanto inaccettabile - ha detto ancora - che uno dei sindacati dei lavoratori – impegnato come gli altri per 18 mesi e proprio in fase di firma del contratto – si tiri indietro, ventilando la possibilità che l'accordo possa favorire "il ricorso al sotto salario e a forme distorsive pesantemente sanzionate dalla legge 199 del 2016».

«Lo sforzo profuso in sede di trattativa - ha detto Giuseppe Creanza, direttore della Cia Bari - al fine di creare i necessari spazi di rinnovamento e semplificazione, oltre ad aver avuto esito positivo, risulta favorevole ad un allineamento alle effettive necessità delle imprese e della controparte sindacale, in larga misura legate al sistema di protezione sociale dei lavoratori.

Sono state in parte disciolte le criticità insidiose, per creare un clima più favorevole sia per gli imprenditori agricoli che per gli operai. Riteniamo - ha sottolineato - sia un accordo ben bilanciato, sia perché l'aumento retributivo si attesta su livelli sostenibili per le imprese agricole in questo periodo di difficile congiuntura economica e di crisi dei singoli comparti produttivi, sia perché guarda alla realtà delle organizzazioni dei lavori aziendali, con le relative figure professionali occorrenti per lo svolgimento delle pratiche colturali per produzioni di qualità senza penalizzare i lavoratori.

Il tavolo - ha detto ancora - ha stabilito di avviare, tra l'altro, una fase sperimentale di attuazione dell'accordo che permetterà, attraverso un osservatorio costituito ad hoc, la valutazione oggettiva dell'aumento occupazionale che il rinnovato contratto di lavoro riuscirà a produrre. Il lavoro svolto durante i tavoli di concertazione, dunque, ha prodotto un'intesa nel segno del buonsenso.

Il nuovo contratto, infatti, tiene conto delle diverse situazioni territoriali che caratterizzano i differenti comparti produttivi, e - ha concluso - rappresenta anche un argine efficace contro il caporalato».

ALCUNI DATI DEL LAVORO AGRICOLO NELLE PROVINCE DI BARI E BAT

NUMERO UNITA' LAVORATIVE BARI
TITOLARIFAMILIARIMANODOPERA EXTRA AZIENDALE
60.81551.01746.062

NUMERO UNITA' LAVORATIVE BAT
TITOLARIFAMILIARIMANODOPERA EXTRA AZIENDALE
22.76616.57228.886



NUMERO GIORNATE DI LAVORO BARI
TITOLARIFAMILIARIMANODOPERA EXTRA AZIENDALE
3.515.8051.705.0851.873.211

NUMERO GIORNATE DI LAVORO BAT
TITOLARIFAMILIARIMANODOPERA EXTRA AZIENDALE
1.249.967536.5201.071.060



AZIENDE CON COLTIVAZIONI A MAGGIOR VOLUME DI MANODOPERA BARI
TOTALE AZIENDE

N. 56.728
VITE
N. AZIENDE
9.870
HA
18.093
OLIVO
N. AZIENDE
52.657
HA
86.100
AGRUMI
N. AZIENDE
409
HA
402
FRUTTIFERI
N. AZIENDE
17.615
HA
22.446

AZIENDE CON COLTIVAZIONI A MAGGIOR VOLUME DI MANODOPERA BAT
TOTALE AZIENDE

N. 21.470
VITE
N. AZIENDE
7.760
HA
20.377
OLIVO
N. AZIENDE
18.321
HA
35.176
AGRUMI
N. AZIENDE
36
HA
27
FRUTTIFERI
N. AZIENDE
2.981
HA
4.677
  • Agricoltura Terlizzi
© 2001-2019 TerlizziViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TerlizziViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.