I Carabinieri
I Carabinieri
Cronaca

Lite fra vicini a Milano, ucciso un uomo di 34 anni. È di Terlizzi

Francesco Spadone era con alcuni amici, quando un 72enne è sceso e lo ha colpito a morte

È una banale lite tra vicini di casa per un barbecue in cortile, poi tragicamente degenerata, all'origine dell'omicidio di un 34enne originario di Terlizzi, Francesco Spadone, avvenuto oggi, alle ore 16.45, a Milano, in un palazzo di malconce case Aler, in via Ovada alla Barona, periferia popolare del capoluogo lombardo.

Tutto è successo in pochi istanti. Il 34enne di Terlizzi, con tre figli e già noto alle forze dell'ordine, avrebbe organizzato una grigliata in cortile con gli amici andata avanti per ore. Non è ancora chiaro se tra lui e il suo assassino, il 72enne Rocco Sallicandro, pescivendolo ambulante originario di Avellino, ci sia stata qualche precedente discussione. Fatto sta che l'uomo è poi sceso per le scale dal suo appartamento con in pugno una delle sue due pistole, regolarmente denunciate.

Sallicandro, con una calibro 9x21, avrebbe sparato due colpi in aria a scopo intimidatorio per far interrompere la festa. Per tutta risposta sarebbe stato affrontato faccia a faccia da Spadone che gli avrebbe chiesto conto delle proteste e degli spari. Il 72enne, a questo punto, gli avrebbe puntato la canna all'addome, facendo fuoco. Momenti drammatici, con gli amici del 34enne che si sarebbero scagliati contro l'anziano. Quando i Carabinieri sono arrivati, il 34enne già non c'era più.

Gli amici lo avevano caricato in auto e accompagnato d'urgenza all'ospedale San Paolo dove è arrivato in condizioni disperate ed è morto dopo un aver subito un delicato intervento. C'era invece Salicandro seduto a terra con la sua pistola che, senza opporre resistenza, ha confessato agli investigatori: «Sono stato io».
  • Omicidio
  • Francesco Spadone
© 2001-2021 TerlizziViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TerlizziViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.