L'infermiere Gianni
L'infermiere Gianni
attualità

La preoccupazione di Gianni, infermiere di cardiologia ai tempi del Coronavirus

La lettera di un terlizzese che invita ad essere tutti più responsabili

«Sono preoccupato per tutto quello che sta succedendo. Tra poco diventerò padre e se da un lato sono pieno di gioia per l'arrivo di mia figlia, dall'altro sono preoccupato per tutto quello che sta accadendo. È come combattere una guerra e noi infermieri, insieme ai medici, siamo i soldati chiusi a combattere in trincea».

È questo il messaggio accorato che Gianni Gargano affida alla nostra testata. Lui è infermiere nel reparto di cardiologia dell'Ospedale "Di Venere" di Bari e si sente in trincea, giustamente in trincea, nonostante non presti servizio in un reparto Covid-19. Ma è uno dei tanti uomini e delle tante donne che, in tutta Italia, lottano in altri reparti, al servizio di pazienti fragili, per salvaguardarli.E lottano spesso senza tutti i dispositivi individuali di protezione, con qualche rischio quando tornano a casa di infettare eventualmente i loro cari.

«Capiamo la nostra importanza, ma è lecito avere paura - ammette -. Paura di non farcela. Paura di infettare i nostri cari. Fatelo per noi e per voi. Evitate le cose inutili - l'appello semplice e diretto -. Ognuno può avere un ruolo fondamentale nella lotta a questo mostro e solo rimanendo uniti possiamo farcela», la sua conclusione da fissare a caratteri cubitali nelle nostre case.

A Gianni, a quelli come lui, a quelli che quotidianamente prestano servizio nei nostri ospedali va il nostro grazie più sentito. Con una promessa: diventeremo popolo e come informazione faremo la nostra parte, non abbiamo più scelta. A cose finite, speriamo prestissimo, alzeremo la voce e metteremo le nostre penne a disposizione di chi si batte per evitare tagli alla sanità sul territorio nazionale, piaga che affligge la nostra terra da decenni.

A lui gli auguri per la creatura che sta per venire al mondo.
  • Coronavirus
  • Infermiere Terlizzi
Altri contenuti a tema
Coronavirus, 10 morti in Puglia nella giornata di ieri Coronavirus, 10 morti in Puglia nella giornata di ieri I contagi da inizio pandemia salgono a 2.634
Cannillo e Pomarico domani ospiti in diretta sul network Viva Cannillo e Pomarico domani ospiti in diretta sul network Viva Approfondimento sulla ripartenza dopo il Coronavirus: orizzonti, progetti, speranze
Emergenza Coronavirus, manovra regionale da 450milioni per imprese e partite IVA Emergenza Coronavirus, manovra regionale da 450milioni per imprese e partite IVA Emiliano: «Abbiamo deciso di agire in modo rapido»
Coronavirus, le opposizioni chiedono Consiglio comunale straordinario e scrivono al Prefetto Coronavirus, le opposizioni chiedono Consiglio comunale straordinario e scrivono al Prefetto I Consiglieri: «Non si può tacere su tutto»
Il contagio in Puglia non si arresta: altri 13 morti e 127 nuovi casi Il contagio in Puglia non si arresta: altri 13 morti e 127 nuovi casi Diminuiscono però le persone in terapia intensiva: ora sono 97
Coronavirus, 77 nuovi contagi e 9 morti nella domenica pugliese Coronavirus, 77 nuovi contagi e 9 morti nella domenica pugliese I guariti salgono a 113. In terapia intensiva sono in 159
Coronavirus, 9 morti in Puglia. Ma aumentano i guariti: sono 94 Coronavirus, 9 morti in Puglia. Ma aumentano i guariti: sono 94 I nuovi casi di positività sono 58. Il totale è di 2.240 contagiati
Coronavirus, in Puglia altri 20 morti e 105 positivi Coronavirus, in Puglia altri 20 morti e 105 positivi I casi aumentano a 2.182, a Terlizzi sono cinque
© 2001-2020 TerlizziViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TerlizziViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.