neve
neve

Gelate, Coldiretti alla Regione Puglia: fuori dal decreto calamità

Serve un pressing urgente al Senato, denuncia Coldiretti Puglia, per far rientrare le aziende olivicole pugliesi colpite dalle gelate

Fuori la Puglia dal Decreto per le calamità 2018, serve un pressing urgente al Senato, denuncia Coldiretti Puglia, per far rientrare le aziende olivicole pugliesi colpite dalle gelate di febbraio e marzo scorsi.
"Abbiamo scritto ai Senatori pugliesi affinché vengano presentati al Senato gli emendamenti alla Legge di Bilancio per consentire alle imprese olivicole ubicate nei territori della regione Puglia che hanno subito danni dalle gelate eccezionali verificatesi dal 26 febbraio al 1 marzo 2018 di ottenere il riconoscimento della calamità e di accedere agli interventi del Fondo di Solidarietà Naturale, perché impossibilitate a sottoscrivere polizze assicurative a copertura dei rischi", ribadisce il Presidente di Coldiretti Puglia, Savino Muraglia.
"Nel corso dell'incontro di Coldiretti con il Ministro Lezzi, abbiamo ribadito la necessità che vengano ricomprese quelle aziende, la cui produzione olivicola è stata falcidiata – aggiunge il Presidente Muraglia – nelle province di Bari, BAT e Foggia, riproponendo al Senato gli emendamenti proposti alla Camera dall'Onorevole L'Abbate, presente all'incontro".
Nel 2017 con un emendamento al DL Mezzogiorno del 20 giugno 2017, n. 91 (convertito in Legge 3 agosto 2017, n. 123), approvato in commissione bilancio al Senato – spiega Coldiretti Puglia - le aziende colpite dalla prolungata siccità che non avevano sottoscritto polizze assicurative hanno potuto accedere ai benefici per favorire la ripresa dell'attività produttiva previsti dalla legge 102 del 2004.
"Il bilancio dell'annata olivicola e olearia in Puglia è il peggiore che si possa ricordare – aggiunge il Direttore di Coldiretti Puglia, Angelo Corsetti – e le polizze multirischio, spesso eccessivamente onerose, non possono essere accese durante l'intero arco dell'anno, ma solo in periodi limitati, come per esempio per l'olivicoltura possono essere sottoscritte solo da marzo a maggio. Per questo abbiamo chiesto agli Onorevoli e Senatori pugliesi di fare pressing affinché, come avvenuto per la siccità 2017, vengano estese a tutte le colture, anche a quelle assicurabili, le misure previste dalla declaratoria di stato di calamità naturale".
  • Coldiretti Puglia
  • gelate
Altri contenuti a tema
Produzione ridotta e paura per furti olive in campagna, prefetto incontra Coldiretti Produzione ridotta e paura per furti olive in campagna, prefetto incontra Coldiretti La riduzione della produzione fa innalzare la soglia di attenzione
Furti nelle campagne, l'allarme di Coldiretti Furti nelle campagne, l'allarme di Coldiretti Coldiretti sta allertando e collaborando con le Prefetture provinciali
I pugliesi non vanno matti per cibo etnico I pugliesi non vanno matti per cibo etnico Ecco cosa rivela uno studio di Coldiretti
Vedemmia 2018, ottime le previsioni Vedemmia 2018, ottime le previsioni Coldiretti Puglia stima un aumento della produzione in media del +15%
Ecco quanto si spende in Puglia per la spesa alimentare Ecco quanto si spende in Puglia per la spesa alimentare La Puglia al decimo posto nella classifica dei consumi alimentari
Produzione di olio in ginocchio a causa delle gelate di inizio anno Produzione di olio in ginocchio a causa delle gelate di inizio anno A Terlizzi si attende di discutere di questi argomenti in Consiglio comunale
2 Prodotti biologici falsi: la Puglia tra le prime dieci regioni in Italia Prodotti biologici falsi: la Puglia tra le prime dieci regioni in Italia L'allarme lanciato dalla Coldiretti
Festa della mamma e floricoltura, Terlizzi tra le prime in Puglia Festa della mamma e floricoltura, Terlizzi tra le prime in Puglia L'analisi di Coldiretti sull'andamento del mercato
© 2001-2019 TerlizziViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TerlizziViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.