Floricoltura crisi coronavirus JPG. <span>Foto Cosma Cacciapaglia</span>
Floricoltura crisi coronavirus JPG. Foto Cosma Cacciapaglia
attualità

Florivivaismo, a rischio chiusura molte aziende (FOTO)

A terra fiori e piante. In ginocchio il comparto terlizzese piegato anche dall'emergenza sanitaria in corso

Chiuso da giorni il Mercato dei Fiori di Terlizzi come da decreto per l'emergenza coronavirus, la produzione florovivaistica resta a terra invenduta. Difficile quantificare i danni che i nostri produttori stanno subendo giorno dopo giorno, lasciando sul terreno fiori e piante che già da giorni avrebbero dovuto abbellire case, balconi, allestire cerimonie e festività.

Centinaia di migliaia di steli invenduti, le lacrime dei produttori agricoli chiusi nelle proprie serre a leccarsi le ferite. Senza un immediato intervento da parte delle Istituzioni, quelle aziende sono prossime a chiudere. A casa i primi operai del comparto, oltre a tutto l'indotto, con migliaia di inoccupati.

In questi giorni negli uffici comunali si sta discutendo sul come affrontare l'ennesima crisi ed è stato convocato subito un tavolo di concertazione con tutto il comparto florovivaistico e le parti sociali. Intanto il Comune di Terlizzi ha chiesto lo stato di calamità naturale al presidente Michele Emiliano, che è anche Assessore regionale all'Agricoltura

Si spera in un immediato intervento del Governo nazionale e di quello regionale con interventi straordinari, nonostante i tanti problemi legati al difficilissimo periodo che l'Italia sta vivendo.

Nel frattempo le aziende si devono attivare per tracciare tutta la produzione che in questi giorni sta finendo al macero (salvo gesti eclatanti di enormi donazioni a cimiteri o al personale degli ospedali), per poter un giorno ottenere (forse) rimborsi vitali ai fini della sopravvivenza, attraverso la consulenza di tecnici.

Terlizzi piange un comparto in ginocchio e le nostre foto vi mostrano quanto sta accadendo, tra fiori bellissimi mai colti e piante che resteranno invendute e non porteranno alcun sorriso nella vita delle persone.
43 fotoTerlizzi crisi florovivaismo #coronavirusCosma Cacciapaglia
Floricoltura crisi coronavirus JPGFloricoltura crisi coronavirus JPGFloricoltura crisi coronavirus JPGFloricoltura crisi coronavirus JPGFloricoltura crisi coronavirus JPGFloricoltura crisi coronavirus JPGFloricoltura crisi coronavirus JPGFloricoltura crisi coronavirus JPGFloricoltura crisi coronavirus JPGFloricoltura crisi coronavirus JPGFloricoltura crisi coronavirus JPGFloricoltura crisi coronavirus JPGFloricoltura crisi coronavirus JPGFloricoltura crisi coronavirus JPGFloricoltura crisi coronavirus JPGFloricoltura crisi coronavirus JPGFloricoltura crisi coronavirus JPGFloricoltura crisi coronavirus JPGFloricoltura crisi coronavirus JPGFloricoltura crisi coronavirus JPGFloricoltura crisi coronavirus JPGFloricoltura crisi coronavirus JPGFloricoltura crisi coronavirus JPGFloricoltura crisi coronavirus JPGFloricoltura crisi coronavirus JPGFloricoltura crisi coronavirus JPGFloricoltura crisi coronavirus JPGFloricoltura crisi coronavirus JPGFloricoltura crisi coronavirus JPGFloricoltura crisi coronavirus JPGFloricoltura crisi coronavirus JPGFloricoltura crisi coronavirus JPGFloricoltura crisi coronavirus JPGFloricoltura crisi coronavirus JPGFloricoltura crisi coronavirus JPGFloricoltura crisi coronavirus JPGFloricoltura crisi coronavirus JPGFloricoltura crisi coronavirus JPGFloricoltura crisi coronavirus JPGFloricoltura crisi coronavirus JPGFloricoltura crisi coronavirus JPGFloricoltura crisi coronavirus JPGFloricoltura crisi coronavirus JPG
  • Florivivaismo
Altri contenuti a tema
Florovivaismo, il comune di Terlizzi verso la richiesta di declaratoria dello stato di calamità Florovivaismo, il comune di Terlizzi verso la richiesta di declaratoria dello stato di calamità Gemmato: «Urgente attivare misure straordinarie»
Crisi settore florivivaistico: le proposte di Bavaro e La Corrente Crisi settore florivivaistico: le proposte di Bavaro e La Corrente Si chiedono la calamità naturale e incentivi agli operatori
Il Distretto Florivivaistico pugliese riparte Il Distretto Florivivaistico pugliese riparte Francesco Vendola: «La lungimiranza di chi ci ha creduto porta oggi ad opportunità concrete di sviluppo»
© 2001-2020 TerlizziViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TerlizziViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.