olio
olio
Attività Produttive

Denuncia di Coldiretti: «In 3 mesi -10,4% di export per olio extravergine»

Cresce però la cultura delle bottigliette monouso

Nei primi 3 mesi del 2020 le esportazioni di olio extravergine di Puglia sono scese di un sensibile -10,4%, per cui è necessario un piano di comunicazione straordinario per far risollevare un settore determinante per l'economia agricola della Puglia.
È quanto afferma Coldiretti Puglia, sulla base dei dati Istat Coeweb che registrano un forte calo dell'export, mentre i magazzini di stoccaggio in Puglia sono pieni di oltre 70 milioni di litri di olio extravergine di oliva, con un aumento del 128% rispetto all'anno scorso.

«Proprio per venire incontro alle necessità di ristoranti, alberghi e agriturismi di sostituire sui tavoli bottiglie di olio e oliere con formati anti-contagio per evitare il passaggio di mani, aziende olivicole e frantoi stanno lanciando bottiglie di olio monouso e altri packaging in bustina, ma le aziende in questo momento di difficile ripresa vanno sostenute. A livello regionale e nazionale vanno programmate e realizzate campagne quinquennali di comunicazione, strutturali e adeguatamente finanziate, che promuovano in maniera strategica e coordinata il prodotto simbolo della Puglia che è l'olio extravergine», afferma Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.

«Diffondere la cultura dell'olio extravergine di oliva fra i consumatori e supportare la crescita continua della filiera dell'olio è il nostro obiettivo – aggiunge il presidente Muraglia – perché i consumatori sono affamati di informazioni e conoscenza sul mondo dell'olio. In Puglia aziende agricole e frantoi hanno saputo cogliere gli spunti positivi offerti dal mondo del vino, abile nell'attività di marketing e di grande promozione delle etichette pugliesi a livello nazionale e internazionale. Da qui stanno nascendo sale di degustazione all'interno delle aziende olivicole e dei frantoi, il packaging sta divenendo sempre più ammiccante, sta salendo il livello qualitativo degli oli», tiene a precisare il presidente Muraglia.

«È un percorso virtuoso che va alimentato e implementato ed è per centrare l'obiettivo - necessariamente corale - della promozione dell'olio che è nata la Evoo School Italia - spiega ancora il presidente Muraglia - la scuola dell'olio promossa da Unaprol, Coldiretti e Campagna Amica che ha aperto i battenti a Roma in via Nazionale, dotata di una sala panel per l'analisi sensoriale degli oli conforme alle linee guida del C.O.I., aule corsi, sale riunioni e tutte le attrezzature tecniche e logistiche necessarie allo svolgimento delle attività formative, per poter diffondere la conoscenza dell'olio, formare professionisti del settore, supportare lo sviluppo delle aziende olivicole e dialogare con le istituzioni e con i consumatori, un nuovo centro di riferimento per tutti gli operatori della filiera olivicola».

La Puglia detiene un patrimonio di 60 milioni di ulivi – conclude Coldiretti Puglia – su una superficie di 383.650 ettari, con una PLV (Produzione Lorda Vendibile) del comparto olivicolo-oleario pari al 20% della totale PLV del settore agricolo.
  • Coldiretti Puglia
  • olio extravergine di oliva
Altri contenuti a tema
Coldiretti Puglia chiede carburante agricolo agevolato e semplificato Coldiretti Puglia chiede carburante agricolo agevolato e semplificato Il maltempo delle scorse settimane aggrava i costi per stalle, serre e lavorazioni in campagna
Coldiretti Puglia: «Con fondi UE creare foreste urbane» Coldiretti Puglia: «Con fondi UE creare foreste urbane» Le nostre province entrano nella classifica della mortalità da particolato fine
Zona gialla in Puglia: riaprono 22mila tra bar, ristoranti e trattorie Zona gialla in Puglia: riaprono 22mila tra bar, ristoranti e trattorie Accesso al pubblico consentito anche in 876 agriturismi
Cambiamenti climatici, Coldiretti Puglia lancia allarme per territorio e campagne Cambiamenti climatici, Coldiretti Puglia lancia allarme per territorio e campagne Dieci gradi in meno in poche ore. Rischio idrogeologico per il 90% dei comuni del barese
Xylella a Canosa: Coldiretti Puglia mette sotto accusa barriere "colabrodo" Xylella a Canosa: Coldiretti Puglia mette sotto accusa barriere "colabrodo" In apprensione il comparto olivicolo terlizzese e di tutto il Nord Barese, tra i maggiori produttori oleari in Italia
LÓLIO, per Natale regala il vero sapore della Puglia LÓLIO, per Natale regala il vero sapore della Puglia Le proposte del Frantoio Paparella, con una promozione esclusiva per Barletta
L'oro verde di Terlizzi, dalla raccolta delle olive alla molitura L'oro verde di Terlizzi, dalla raccolta delle olive alla molitura Tra foto e racconti dettagliati viviamo il percorso che porta alla creazione dell'olio extravergine d'oliva
Coldiretti Puglia: «Con passaggio da zona arancione a zona gialla riaperti oltre 21mila tra bar e ristoranti» Coldiretti Puglia: «Con passaggio da zona arancione a zona gialla riaperti oltre 21mila tra bar e ristoranti» Muraglia non si illude: «Scenario resta drammatico»
© 2001-2021 TerlizziViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TerlizziViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.