Topi da biblioteca

Le crociate viste dagli arabi

Maalouf Amin

Ecco il libro che racconta "la faccia nascosta" delle crociate. Abbiamo imparato a conoscere le crociate ascoltando un'unica campana: quella dell'occidente. Un racconto sulla storia delle crociate come sono state viste, vissute e raccontate dagli arabi attraverso le testimonianze degli storici e dei cronisti arabi dell'epoca è sicuramente un'occasione da non perdere.

Ovviamente gli arabi non usavano il termine crociate per descrivere quello che per loro erano guerre di invasione: perché tali erano.

Nell'intento di dare alle Crociate un'immagine nuova e diversa, l'autore del libro Amin Maalouf edito da SEI reprint economica, ha fatto ricorso agli scritti degli storici arabi, molti dei quali sconosciuti in Europa, gettando al di là della barricata uno sguardo che ci riserva non poche sorprese.

Abituati a veder raccontate le crociate come una gloriosa corsa alla liberazione di Gerusalemme nel nome di dio, si può rimanere stupiti dalla realtà dei fatti avvenuti.

Non la liberazione del sacro sepolcro, ma la conquista di territori già appartenuti all'Impero Romano cui la chiesa cattolica tenta di ricostruire nel corso secoli e di porre sotto il proprio dominio. La conquista di popoli e risorse economiche per una Europa che a stento riusciva a sopravvivere, un'economia quasi inesistente.

Gli Arabi sicuramente hanno perso la loro integrità, giacché pur conservando il loro immenso territorio, l'occidente ha imparato oltre che la matematica, l'astronomia, la scrittura, l'agricoltura, il fatto che gli Arabi nelle loro divisioni interne etniche tra arabi, turchi e kurdi; religiose tra sciiti e sunniti; politico territoriali e dinastiche erano infatti impegnati più a lottare tra di loro che contro i "Franchi". Ancora nel 1915 Lowrence d'Arabia conquistata Damasco istituì il Consiglio Nazionale Arabo provvisorio in nome del re, dichiarando che d'ora in poi non dovevano esserci più le varie etnie, ma dovevano chiamarsi Arabi. Ma ben presto si rese conto che non era possibile. Contemporaneamente un giovane ufficiale inglese di nome Winston Churchill disegnava i confini dei nuovi stati che sarebbero sorti (Giordania, Irak, Libano, Palestina, ecc.) ovvero gli attuali confini, decisi da Gran Bretagna e Francia. Ma questa è la storia delle democrazia moderna.

L'unità dei popoli arabi è l'elemento essenziale per far si che i popoli medio orientali possano emanciparsi. La storia continua ancora oggi, l'occidente ha imparato sostenendo re e dittatori pur di dividere ed imperare.

Stavo per iniziare la preghiera quando un Franco mi si precipitò addosso, mi afferrò e mi volse il viso verso Oriente dicendo: "Così si prega". Usama ibn Munqidh cronista (1095 -1188)

Le crociate ebbero anche una conseguenza d'ordine religioso. Fin dalla prima spedizione, la guerra santa prende il posto dell'evangelizzazione dei non cristiani e verrà utilizzata anche contro gli eretici. L'eresia degli albigesi, più tardi, quella degli Hussiti, furono sradicate con la guerra santa. Quanto ai pagani, i metodi impiegati con i prussiani sono singolari: non si tratta di convertire l'infedele, ma di sterminarlo.

Solo chi appartiene alla società cristiana può appartenere alla società pubblica, e la scomunica equivale a essere messi fuori legge.

Il nostro Federico II nel luglio del 1228 salpò per la terra santa, e un trattato con il Sultano gli permise di entrare senza colpo ferire a Gerusalemme e di stipulare un accordo che dava ai cristiani la libertà di visitare il sepolcro di cristo. Ma come ben sappiano Federico II non era ben visto dalla chiesa.

In ogni caso per gli Arabi non valeva la massima del diritto romano secondo cui "in materia di possesso, occupazione vale titolo". Per l'Occidente l'Arabia e i nord africa erano dei possedimenti perduto e da riconquistare. I crociati erano in gran parte dei fanatici in lotta per il potere, e che la "liberazione" della città santa non fu altro che il massacro della sua popolazione.
  • Libri
  • Religione
  • Storia
Altri contenuti a tema
"Storie", l'ultimo libro di Giuseppe Grassi, papà di Gero Grassi "Storie", l'ultimo libro di Giuseppe Grassi, papà di Gero Grassi Ospite d'eccezione Nichi Vendola
Scuole di Terlizzi alla gara di lettura di Confabulare Scuole di Terlizzi alla gara di lettura di Confabulare All'iniziativa partecipano otto comuni pugliesi
"Confabulare" fa tappa anche nelle scuole di Terlizzi "Confabulare" fa tappa anche nelle scuole di Terlizzi Rassegna letteraria per ragazzi
Oltre 80 mila euro dalla Regione per l'acquisto dei libri Oltre 80 mila euro dalla Regione per l'acquisto dei libri Il contributo sarà assegnato ai nuclei familiari con un reddito ISEE inferiore a 10.632,94
San Nicola, una magia che si ripete. Le foto San Nicola, una magia che si ripete. Le foto Le scolaresche di bambini cominciano ad affollare la chiesetta del santo
"L'ultima fetta di cielo", il nuovo libro di don Michele Cipriani "L'ultima fetta di cielo", il nuovo libro di don Michele Cipriani Stasera la presentazione presso il centro sociale Sacro Cuore
La festa dei lettori fa tappa a Terlizzi La festa dei lettori fa tappa a Terlizzi Dal 24 al 26 settembre nel Chiostro S. Maria La Nova
Festeggiamenti per la Madonna del Carmine, il tradizionale appuntamento del 16 luglio Festeggiamenti per la Madonna del Carmine, il tradizionale appuntamento del 16 luglio La supplica alla Vergine e la tradizionale processione
© 2001-2019 TerlizziViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TerlizziViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.