pasquale ricciotti
pasquale ricciotti
attualità

Nasce ufficialmente il presidio di Libera Terlizzi

Suo referente è Pasquale Ricciotti

Si è costituito ufficialmente ieri sera, sabato 20 luglio, il presidio di Libera Terlizzi, la sezione locale dell'associazione di eco nazione "Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie", fondata da Don Luigi Ciotti nel 1995 al fine di sollecitare la società civile nella lotta alle mafie e incentivare legalità e giustizia.

Il presidio terlizzese, di fatto attivo sul territorio già da quattro anni, ha finalmente indossato una veste formale grazie alla sottoscrizione, nella sede provvisoria dell'Azione Cattolica in Piazza Cavour n. 24, del "Patto di Presidio", una sorta di carta d'intenti in cui sono indicati gli obiettivi, le attività e i temi d'impegno cui gli aderenti si ispireranno nel loro agire quotidiano.

Tra i promotori non soltanto una decina di singoli tesserati, ma anche e soprattutto sei diverse associazioni terlizzesi che si stringono intorno a Libera per monitore il territorio in qualità di suoi «cani da guardia»: Azione Cattolica, CGIL, Cooperativa Agricoltura e Progresso, Coordinamento Regionale Antiracket F.A.I. Puglia, Festival per la Legalità e La Garra.

Tra le finalità principali emerge quella di fare rete tra realtà a vocazione differente, in modo da tenere sott'occhio i vari ambiti del vivere sociale. Ultimamente Terlizzi è tornata tristemente alla ribalta delle cronache per due episodi criminosi: l'accoltellamento della prostituta colombiana in un casolare sulla SP231, nonché le aggressioni di una baby gang nei confronti di una famiglia di via Tripoli.

Per non parlare, poi, delle consuete problematiche che attanagliano da tempo il nostro paese, quali lo spaccio di stupefacenti, il gioco d'azzardo e l'assenza di un piano di accoglienza nei confronti dei migranti che soggiorneranno in città durante il periodo della campagna delle olive.

«Lo scopo della nostra missione è il raggiungimento della giustizia sociale. Abbiamo bisogno di metterci insieme e di combattere i fenomeni illeciti», afferma Alessandra Ricupero, referente provinciale Bari-Bat di Libera, «Viviamo in un clima di disgregazione sociale. La nostra è un'azione politica all'interno del territorio, volta alla salvaguardia del bene comune. Il patto di presidio è qualcosa di concreto che ci rende comunità. Singoli e associazioni firmatari devono sentirsi Libera ogni giorno».

Con finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale, dunque, i soci sono accomunati dalla volontà di creare un efficace percorso di «Antimafia Sociale» che possa trovare risorse nella stessa società, attraverso gli strumenti della formazione e dell'informazione, spezzando così le catene dell'omertà che ingabbiano nella paura numerosi concittadini.

All'unanimità dei presenti è stato, infine, eletto il referente del presidio, Pasquale Ricciotti, studente di teologia e coordinatore cittadino di Azione Cattolica, il quale avrà la responsabilità di coordinare le attività dello stesso presidio e di svolgere la funzione di collegamento con il livello provinciale e regionale. «Questo presidio di Libera assume oggi l'impegno di essere uno strumento per educare le giovani generazioni del nostro paese alla legalità e al bene comune», esordisce così Ricciotti, «Ringrazio tutti per la fiducia accordatami, ma tengo a precisare che questa scelta non deve essere una delega. Desidero, infatti, che tutto si svolga in maniera collettiva e democratica».
aderenti libera terlizziassemblea JPGalessandra ricupero JPGsede JPG
  • Libera Terlizzi
Altri contenuti a tema
Giovedì la presentazione del libro "Il peggio di me "di Ismaele La Vardera Giovedì la presentazione del libro "Il peggio di me "di Ismaele La Vardera L'evento è promosso dal Festival per la Legalità, La Garra e Libera Terlizzi
Episodi di violenza e minacce ai media: la riflessione di Libera Terlizzi Episodi di violenza e minacce ai media: la riflessione di Libera Terlizzi Una nota completa del presidio locale per esprimere vicinanza alle vittime
Il presidio di Libera Terlizzi contro il Decreto sicurezza bis Il presidio di Libera Terlizzi contro il Decreto sicurezza bis Il referente Pasquale Ricciotti:«Perché non ci si concentra sui giovani italiani che emigrano all'estero?»
© 2001-2019 TerlizziViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TerlizziViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.