Campagne allagate
Campagne allagate
Territorio

Maltempo, per Coldiretti Puglia 230 comuni sono a rischio idrogeologico

Dopo le abbondanti piogge del mese di maggio tante colture sono andate distrutte

L'ondata di maltempo fuori stagione ha devastato le aziende agricole dove è andato perso un intero anno di lavoro per i danni causati alle produzioni stimati in oltre dieci milioni di euro, tanto che in molte regioni sono state avviate le procedure per la dichiarazione dello stato di calamità, ma è importante anche la sospensione del pagamento delle imposte e dei contributi per assicurare la ripresa produttiva delle imprese e il ripristino delle strutture danneggiate.

È quanto emerge dal bilancio della Coldiretti in occasione della premiazione del primo concorso fotografico "Obiettivo Acqua", promosso da Coldiretti, Anbi (Associazione Nazionale Consorzi Gestione Tutela Territorio ed Acque Irrigue) e Fondazione Univerde, con la presenza del presidente Ettore Prandini e del Ministro dell'Ambiente Sergio Costa.

Grandine con chicchi grandi come pietre anche in Puglia, soprattutto nelle province di Taranto, Bari (colpita anche la zona tra Terlizzi e Giovinazzo con allagamenti della provinciale 107, ndr) e Lecce dove sono stati colpiti vigneti, frutteti e campi di grano, compromettendo soprattutto la raccolta delle ciliegie, con la perdita fino al 60-70% della varietà Bigarreau e Giorgia. Danni pesanti anche ad albicocche, uva e agli agrumi in fiore.

Bombe d'acqua, raffiche di vento fino a 120 chilometri orari e grandinate killer hanno spazzato le campagne di Puglia, danneggiando tendoni, teli, strutture e produzioni sono solo l'ultimo effetto della tropicalizzazione del clima che si abbatte su un territorio fragile, rileva Coldiretti Puglia sulla base dei dati del Rapporto ISPRA.

«Sono 230 i comuni pugliesi a rischio frane e alluvioni e a pagarne i costi, oltre ai cittadini residenti soprattutto nelle aree rurali, sono proprio le 11.692 imprese che operano su quei territori. Anche il consumo del suolo è avvenuto per il 67,5% in contesti prevalentemente agricoli o naturali, depauperando pezzi di territorio e deturpando il paesaggio, oltre ad impoverire il tessuto imprenditoriale agricolo pugliese», denuncia Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.

Il rischio idrogeologico, con differente pericolosità idraulica e geomorfologica, riguarda il 100% dei comuni della BAT, il 95% dei territori di Brindisi e Foggia, il 90% dei comuni della provincia di Bari e l'81% dei comuni leccesi e sono 8.098 i cittadini pugliesi esposti a frane e 119.034 quelli esposti ad alluvioni, secondo le elaborazioni di Coldiretti Puglia sulla scorta dei dati ISPRA.
La pulizia di fossi e canali, la gestione di dighe e degli impianti irrigui è un'attività assolutamente indispensabile che va garantita – denuncia Coldiretti Puglia – anche in considerazione dei ripetuti danni subiti, a causa della mancata manutenzione straordinaria degli impianti irrigui collettivi, pozzi compresi e delle reti di distribuzione di acqua potabile nelle aree rurali.

«Gli effetti dell'incuria e delle mancate opere di bonifica – conclude il presidente Muraglia - sono evidenti sul territorio. Alberi nei canali di scolo e canneti, tombini nelle aziende agricole ostruiti, sono solo alcuni esempi di quanto rilevato nel corso dei sopralluoghi effettuati dalla squadra di tecnici di Coldiretti Puglia che si sta muovendo sul territorio per verificare che le opere siano realmente state realizzate.

Siamo di fronte alle evidenti conseguenze dei cambiamenti climatici anche in Puglia dove l'eccezionalità degli eventi atmosferici è ormai la norma, con una tendenza alla tropicalizzazione che – conclude la Coldiretti – si manifesta con una più elevata frequenza di manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi ed intense ed il rapido passaggio dal sole al maltempo, con sbalzi termici significativi che compromettono le coltivazioni nei campi con costi per oltre 14 miliardi di euro in un decennio, tra perdite della produzione agricola nazionale e danni alle strutture e alle infrastrutture nelle campagne».

Quanto accaduto negli ultimi giorni è solo l'ultimo effetto del clima pazzo, dopo la bufera di vento nei giorni di Pasqua e Pasquetta che ha arrecato gravi danni ai vigneti in provincia di Bari, sempre ad aprile una grandinata di inusitata violenza in provincia di Taranto ha colpito oliveti e vigneti, compromettendone in alcuni casi i germogli – aggiunge Coldiretti Puglia - per non parlare della grandinata che ha danneggiato le produzioni e finanche le serre in provincia di Lecce con campi e strade praticamente imbiancati e pericolose lastre di ghiaccio che hanno reso impraticabili i percorsi nelle aree rurali.
  • maltempo
  • Coldiretti Puglia
  • Maltempo Terlizzi
Altri contenuti a tema
Post scriptum, la lettera aperta di Ninni Gemmato ai terlizzesi dopo il maltempo Post scriptum, la lettera aperta di Ninni Gemmato ai terlizzesi dopo il maltempo Il sindaco risponde alle insinuazioni sul suo conto e racconta la sua verità
Maltempo in tutta la regione ed a Terlizzi: l'allarme di Coldiretti Puglia Maltempo in tutta la regione ed a Terlizzi: l'allarme di Coldiretti Puglia La denuncia: «In poche ore scoppiato l'inferno»
Gemmato ringrazia forze dell'ordine e Protezione Civile e difende la scelta di tenere le scuole aperte Gemmato ringrazia forze dell'ordine e Protezione Civile e difende la scelta di tenere le scuole aperte La nota è apparsa sul profilo Facebook ufficiale del Sindaco
Maltempo: allagamenti in tutta Terlizzi Maltempo: allagamenti in tutta Terlizzi Colpita anche la stazione ferroviaria e il restaurando Palazzo di Città
Allerta meteo, Gemmato alla cittadinanza: «Prestare molta attenzione» Allerta meteo, Gemmato alla cittadinanza: «Prestare molta attenzione» Le scuole restano regolarmente aperte nella giornata odierna
Allerta meteo arancione su Terlizzi Allerta meteo arancione su Terlizzi Il bollettino è stato diramato dalla Protezione Civile della Puglia per le prossime 24 ore. Scuole chiuse a Bitonto e Mariotto
Maltempo in arrivo su Terlizzi Maltempo in arrivo su Terlizzi Piogge più intense potrebbero verificarsi nel pomeriggio. Massime non oltre i 17°
Tropicalizzazione, crescono produzioni autunnali.  Ma preoccupa il caldo per gli ulivi a Terlizzi Tropicalizzazione, crescono produzioni autunnali. Ma preoccupa il caldo per gli ulivi a Terlizzi Coldiretti Puglia annuncia un +14% nella Città Metropolitana di Bari di aziende che si occupano prevalentemente delle produzioni agricole in questo periodo
© 2001-2019 TerlizziViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TerlizziViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.