Il Premier Giuseppe Conte
Il Premier Giuseppe Conte
Attualità

Il Consiglio dei Ministri stanzia 55 miliardi di euro per il Decreto Rilancio

Conte: «Un lavoro intenso, ma non abbiamo impiegato un minuto in più di quello strettamente necessario»

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il cosiddetto Decreto Rilancio.

Si tratta di misure per complessivi 55 miliardi di euro che toccano diversi settori della vita del Paese, che il Governo intende sostenere in questa delicatissima fase di crisi economica provocata dall'emergenza sanitaria in atto.
Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, lo ha definito in conferenza stampa il frutto di «un lavoro intenso», spiegando poi che l'Esecutivo non «ha impiegato un minuto in più di quello strettamente necessario per un testo così complesso».

IL PROVVEDIMENTO NEL DETTAGLIO

Davanti agli italiani ed in diretta tv, il Premier ha spiegato che circa «25 miliardi e 600 milioni di euro andranno a rifinanziare cassa integrazione guadagni e bonus per i lavoratori autonomi». Conte ha altresì parlato di un sostegno concreto alle famiglie ed alle imprese in difficoltà.
Per le prime è previsto una tax credit di 500 euro per tutte le famiglie con Isee annuale inferiore a 40.000 euro per le vacanze. Danaro da spendere in strutture ricettive nell'ottica di una ripartenza anche del settore. A questo provvedimento va associato il cosiddetto "Reddito di emergenza" per quei nuclei familiari che non superino la soglia dei 15.000 euro annui.
Quanto alla scuola, Conte ed i suoi Ministri hanno annunciato un investimento del Governo per 1 miliardo e 250 milioni circa, per la digitalizzazione e la messa in sicurezza degli istituti, che dovranno inevitabilmente divenire posti molto sicuri per far tornare i nostri figli. Pronte assunzioni e concorsi per inserire nel mondo della scuola 16.000 docenti.
Sostegno sarà dato anche alle imprese medie e piccole, soprattutto nel settore della ristorazione, attraverso l'eliminazione della TOSAP, la tassa di occupazione di suolo pubblico, un sostegno agli affitti dei locali e soldi a fondo perduto che partiranno da 2.000 euro in su e che riguarderanno varie tipologie di aziende medio-piccole. Nel Decreto Rilancio è previsto un corposo taglio delle tasse, fino a 4 miliardi, per le imprese che hanno un fatturato fino a 250 milioni di euro.
Il Primo Ministro ha anche annunciato che il Governo ha pagato circa l'85% delle Casse Integrazioni e Guadagni e circa l'80% dei bonus lavoratori autonomi.
Quanto a questi ultimi ed ai professionisti iscritti alle gestioni separate INPS, Conte ha chiarito che «arriveranno 600 euro subito, perché saranno dati a chi ne ha già beneficiato. Spero possano arrivare nelle prossime ore, quando il decreto sarà pubblicato sulla Gazzetta ufficiale. In seguito - ha quindi spiegato - ci riserviamo di integrarli con un ristoro fino a 1000 euro».
Durante la conferenza stampa, la Ministra dell'Agricoltura, Teresa Bellanova, ha annunciato in lacrime un punto da lei definito «fondamentale per la mia storia personale», vale a dire «l'emersione dei rapporti di lavoro, Da oggi gli sfruttati non saranno più invisibili», ha annunciato, facendo riferimento anche alla regolarizzazione dei lavoratori stranieri. Per la titolare del Dicastero, «lo Stato oggi dimostra di essere più forte del caporalato».
Nel Decreto ci sono infine anche 1 miliardo e 400 milioni per l'università e la ricerca.

NESSUNO SPOSTAMENTO TRA REGIONI
Sollecitato dalla stampa, Conte ha dichiarato che non saranno al momento ancora consentiti spostamenti tra regioni, come sollecitato dagli stessi Enti locali al fine di evitare una nuova impennata nella curva epidemiologica. Possibile, ma niente affatto certo, che si giunga ad una riapertura dei confini regionali dal 1° giugno. Tutto dipenderà dal numero dei contagi.
Conte ha infine annunciato che il prossimo provvedimento preso in materia di libera circolazione delle persone non sarà più un Decreto del Presidente del Consiglio, bensì un Decreto Legge.
  • Giuseppe Conte
  • Consiglio dei Ministri
  • Decreto Rilancio
Altri contenuti a tema
Il Premier Conte firma il nuovo Decreto: cosa cambia a Terlizzi dal 16 gennaio Il Premier Conte firma il nuovo Decreto: cosa cambia a Terlizzi dal 16 gennaio Puglia in zona arancione, norme valide sino al 5 marzo
Il Consiglio dei Ministri ha deciso: l'11 gennaio si torna in classe. Nuove norme per contenere il virus Il Consiglio dei Ministri ha deciso: l'11 gennaio si torna in classe. Nuove norme per contenere il virus Ora la palla passa nuovamente alla Regione Puglia su eventuali ordinanze per la didattica a distanza richiesta
Giro di vite sulle feste degli italiani. Conte annuncia le nuove misure: ecco quali Giro di vite sulle feste degli italiani. Conte annuncia le nuove misure: ecco quali Questa volta non si tratta di un DPCM, ma di un Decreto Legge
Innovazione tecnologica: arrivano contributi governativi ai Comuni Innovazione tecnologica: arrivano contributi governativi ai Comuni Online l’Avviso pubblico per accedere alle risorse del Fondo
Nuovo DPCM: tutti i principali provvedimenti annunciati dal Premier Conte Nuovo DPCM: tutti i principali provvedimenti annunciati dal Premier Conte Divieto di viaggiare tra regioni e comuni dal 21 dicembre al 6 gennaio se non per lavoro, comprovate necessità e assistenza domiciliare. Negozi aperti fino alle 21.00
«Chiusura delle attività, 400 milioni di euro in fumo» «Chiusura delle attività, 400 milioni di euro in fumo» Coldiretti stima gli effetti di un mese di restrizioni per 20 mila fra bar, ristoranti, pizzerie e agriturismi
Conte: «Numeri in continuo aumento, dobbiamo intervenire» Conte: «Numeri in continuo aumento, dobbiamo intervenire» Il premier ha illustrato il nuovo Dpcm: «Con l'impegno di tutti potremo raffreddare la curva epidemiologica»
Puglia zona arancione: le nuove misure in vigore da venerdì Puglia zona arancione: le nuove misure in vigore da venerdì Conte firma il nuovo Dpcm e conferma coprifuoco dalle ore 22 e chiusura di bar e ristoranti
© 2001-2021 TerlizziViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TerlizziViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.