Savino Muraglia presidente Coldiretti
Savino Muraglia presidente Coldiretti

Clima pazzo, marzo con temperature di 5 gradi più della media: agricoltura a rischio

La preoccupazione di Coldiretti per il clima impazzito

Mai cosi pazzo il mese di marzo con temperature massime in Puglia superiori di 5 gradi rispetto al mese scorso che hanno fatto fiorire mandorli, olivi, albicocchi e peschi, con la maturazione contemporanea degli ortaggi e le primizie di fave e piselli già pronti in vendita nei Mercati del contadino.

E' quanto emerge dal monitoraggio di Coldiretti Puglia sulla base dei dati Ucea relativi alla prima decade con l'innalzamento della colonnina di mercurio che segna a marzo 2019 quasi 5 gradi in più rispetto a febbraio 2019 e una temperatura massima di 15,7 gradi, contro i 13,6 gradi di marzo 2018.

"E' una finta primavera con produzioni a forte rischio di shock termico, con alberi di mandorlo in fiore e gemme di albicocchi e peschi che si stanno già dischiudendo. Oltre ai mandorli già in fiore, se dovessero perdurare le attuali temperature minime troppo alte per la media stagionale e il caldo anomalo il rischio è che vigne, ciliegi e altri alberi da frutto, impossibilitati a vivere appieno la fase di quiescenza, subirebbero un 'risveglio' anticipato, con fioriture anomale già a febbraio", dice Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.

A nulla vale più la programmazione degli orticoltori che in Puglia raccolgono broccoli, cavoli, sedano, prezzemolo, finocchi, cicorie, bietole, tutti maturati contemporaneamente per le temperature primaverili. "Con la natura sconvolta a preoccupare è l'effetto del possibile improvviso abbassamento della temperatura sulle piante in fiore con effetti disastrosi sulla raccolta dei frutti primaverile ed estiva. Sono eventi estremi per cui il meccanismo della declaratoria di calamità naturale e del Fondo di solidarietà naturale, così com'è strutturato, non funziona più", denuncia il presidente Muraglia.

"Sono disastrosi gli effetti sui campi della tropicalizzazione del clima che azzera in pochi attimi gli sforzi degli agricoltori – aggiunge il Direttore di Coldiretti Puglia, Angelo Corsetti – che perdono produzione e al contempo subiscono l'aumento dei costi a causa delle necessarie risemine, ulteriori lavorazioni, acquisto di piantine e sementi e utilizzo aggiuntivo di macchinari e carburante. Gli imprenditori si trovano ad affrontare fenomeni controversi, dove in poche ore si alternano eccezionali ondate di maltempo a siccità perdurante".

Da marzo a novembre del 2018 sono stati 11 i tornado e le trombe d'aria che si sono abbattuti sulla Puglia – segnala Coldiretti – a marzo a Lecce, ad aprile a Lequile, a giugno a Santo Spirito di Bari e a San Foca, a settembre a Salice Salentino, a novembre a Taurisano, Martina, Manduria e in provincia di Brindisi e a Parabita, secondo i dati ESWD, l'anagrafe europea degli eventi meteo estremi come tornado, bombe d'acqua, trombe d'aria, tempeste di fulmini.
"A nulla vale più la programmazione degli orticoltori che in Puglia raccolgono fave, piselli, broccoli, cavoli, sedano, prezzemolo, finocchi, cicorie, bietole, tutti maturati contemporaneamente per le temperature primaverili", conclude il Direttore Corsetti.
  • Coldiretti Puglia
Altri contenuti a tema
Maltempo, per Coldiretti Puglia 230 comuni sono a rischio idrogeologico Maltempo, per Coldiretti Puglia 230 comuni sono a rischio idrogeologico Dopo le abbondanti piogge del mese di maggio tante colture sono andate distrutte
Coldiretti, la Puglia fanalino di coda per la spesa per lo sviluppo rurale Coldiretti, la Puglia fanalino di coda per la spesa per lo sviluppo rurale Muraglia: "Una sconfitta per le speranze degli agricoltori"
Piano di sviluppo rurale, Coldiretti: «Spento il sogno di 5 mila giovani» Piano di sviluppo rurale, Coldiretti: «Spento il sogno di 5 mila giovani» «Per colpa della macchina burocratica dell’Assessorato all’Agricoltura regionale che ha creato il caos»
Coldiretti attacca duro la Regione sulla gestione dell'emergenza Xylella Coldiretti attacca duro la Regione sulla gestione dell'emergenza Xylella «L'assessore Di Gioia sbaglia tempi e metodi»
Xylella, Coldiretti chiede il dissequestro degli ulivi infetti Xylella, Coldiretti chiede il dissequestro degli ulivi infetti “Chiediamo al Presidente della Regione Emiliano, da Magistrato, di farsi carico di interloquire con la Procura di Bari per il dissequestro dell’ulivo infetto di Monopoli "
Coldiretti, dal decreto su Xylella solo briciole per gli agricoltori Coldiretti, dal decreto su Xylella solo briciole per gli agricoltori “Il Decreto Legge ha stanziato risorse insignificanti »
Emergenza Xylella, Coldiretti: «Dall'Europa solo briciole» Emergenza Xylella, Coldiretti: «Dall'Europa solo briciole» Sono saliti a 1,2 miliardi i danni provocati dal diffondersi della Xylella fastidiosa
Gelate e danni all'agricoltura: ancora niente bando dalla Regione Puglia Gelate e danni all'agricoltura: ancora niente bando dalla Regione Puglia Coldiretti contro l'assessore regionale all'Agricoltura
© 2001-2019 TerlizziViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TerlizziViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.