Rosa Vendola
Rosa Vendola
attualità

Città Civile ricorda Rosa Vendola, martire terlizzese delle foibe

Ed il movimento civico rammenta l'importanza del contrasto al negazionismo

Nel Giorno del Ricordo dedicato ai martiri giuliano-dalmati ed istriani ed all'esodo di 350.000 persone dai territori orientali un tempo italiani, anche Città Civile ha voluto dedicare un pensiero.

Un pensiero che è andato a Rosa Vendola, trucidata nelle foibe dalla furia cieca dei comunisti titini nel 1945, anche lei vittima della follia di un regime totalitario come don Pietro Pappagallo ed il prof. Gioacchino Gesmundo che perirono alle Fosse Ardeatine.

«Lei (la cui storia è stata portata alla luce anni fa da docenti e alunni della scuola terlizzese), aggiungendosi a don Pietro e a Gioacchino Gesmundo, vittime della violenza nazi-fascista - ricordano da Città Civile - fanno di Terlizzi una città metafora della lotta contro ogni sopruso (anche in tempo di pace). Fu con una nostra richiesta in consiglio comunale che parti il procedimento per il riconoscimento onorifico ai parenti nipoti ancora vivi».

A Rosa Vendola ed alle altre migliaia di vittime del comunismo slavo (cifre ufficiose raccontano nelle stime più alte di 12.000 infoibati di etnia italiana, ma anche croati e sloveni dissidenti), sacerdoti, semplici cittadini, molte donne, partigiani bianchi, solo in minima parte ex fascisti, va il pensiero della comunità terlizzese, ancora troppo fredda su argomenti come questo che dovrebbero portare ad una memoria ed a valori condivisi.

CHI ERA ROSA VENDOLA

Rosa Vendola era nata a Terlizzi il 6 novembre 1898 da Costante Vendola ed Angela Rutigliani. Divenne insegnante e si trasferì a Castel Dobro (in sloveno Dobrovo) per poi andare ad insegnare in un asilo nel comune di Trebignano. Di lei si persero le tracce alla fine della seconda guerra mondiale, in territori attraversati da violente rappresaglie titine solo in parte provocate dalla "italianizzazione" di quelle zone volute da Mussolini. Fu così dichiarata "dispersa per causa di guerra". Fu un atto del Tribunale di Trani, del 1962, a dichiararne la morte presunta all'interno degli inghiottitoi carsici, dette appunto foibe, dal termine latino fovea.
In quelle cavità furono scaraventati migliaia di nostri connazionali dalle truppe jugoslave agli ordini del Maresciallo Broz Josip Tito il quale, beffa della storia, ricevette il titolo di Cavaliere della Gran Croce per valor militare della Repubblica Italiana. I silenzi complici del PCI e dell'allora partito di maggioranza, la Democrazia Cristiana, per ragioni ideologiche e di mera convenienza politica, furono invece determinanti per lasciare Rosa Vendola e le migliaia di vittime delle foibe rinchiusi nell'armadio della storia per mezzo secolo.
  • Città Civile
  • giorno del ricordo
  • Rosa Vendola
Altri contenuti a tema
Roberto Menia con Ninni Gemmato nelle scuole per il Giorno del Ricordo Roberto Menia con Ninni Gemmato nelle scuole per il Giorno del Ricordo Presentato alla "Gesmundo" il libro "10 febbraio. Dalle foibe all’esodo"
Questo pomeriggio il Consiglio comunale nella Sala Conferenze dell’Ufficio Servizi Sociali Questo pomeriggio il Consiglio comunale nella Sala Conferenze dell’Ufficio Servizi Sociali All'ordine del giorno il regolamento per la concessione della cittadinanza onoraria e l'istituzione di una Commissione d’inchiesta sui roghi tossici
Giorno del Ricordo, Mattarella: «Sciagura nazionale» Giorno del Ricordo, Mattarella: «Sciagura nazionale» Il messaggio integrale del Presidente della Repubblica in occasione delle celebrazioni per ricordare l'eccidio e l'esodo istriano-giuliano-dalmata
Comparto C4, le opposizioni: «Non si può approvare un piano riadattando bozza del 2012» Comparto C4, le opposizioni: «Non si può approvare un piano riadattando bozza del 2012» Una nota di PD, Città Civile e La Corrente contesta le modalità utilizzate dalla maggioranza
Roghi nell'agro: domani la riunione operativa in Comune Roghi nell'agro: domani la riunione operativa in Comune Il fenomeno è ormai dilagante e dalle opposizioni si alza il grido d'allarme. Necessario un tavolo per decisioni condivise
Impianto biogas, Città Civile resta preoccupata Impianto biogas, Città Civile resta preoccupata La nota del movimento di opposizione dopo l'incontro pubblico di lunedì scorso
«Assenza di trasparenza e partecipazione sull'impianto biogas», Città Civile contesta il silenzio dell'Amministrazione «Assenza di trasparenza e partecipazione sull'impianto biogas», Città Civile contesta il silenzio dell'Amministrazione Nel prossimo futuro tavole rotonde sulle biomasse
Centrale a biomasse, questa sera la conferenza stampa di Città Civile Centrale a biomasse, questa sera la conferenza stampa di Città Civile Dalle ore 19.30 nella sede del movimento civico
© 2001-2020 TerlizziViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TerlizziViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.