Occupazione del suolo publico. <span>Foto Cosma Cacciapaglia</span>
Occupazione del suolo publico. Foto Cosma Cacciapaglia

Occupa abusivamente un posto auto con motorino e mastelli in via Raffaello. I residenti sono stanchi

Le lamentele di chi quotidianamente vede violate alcune norme minime del codice della strada e del vivere civile

Quante volte ci è capitato di vedere un posto auto "occupato" con sedie o comunque con materiale ingombrante tale da impedire agli automobilisti di parcheggiare?

Tutto ciò accade anche a Terlizzi, in via Raffaello, all'altezza del numero civico 5. Disperati i residenti ci hanno segnalato questa situazione permanente.

Quasi impossibile per loro trovare un parcheggio in zona per la propria vettura. Ma quel che più li urta è trovare perennemente occupato un segmento di carreggiata stradale abusivamente, con un motorino ed annessa pedana là dove si dovrebbero parcheggiare auto o addirittura con mastelli per la differenziata o peggio con sedie.

Una prassi ormai consolidata da tempo, tutt'altro che lecita. Si tratta di un tipo di comportamento che dovrebbe avere pesanti conseguenze sul piano amministrativo. I cittadini hanno spesso sollecitato la Polizia Locale, segnalando la cattiva condotta posta in essere, ma ad oggi nessuno è riuscito a risolvere il problema, catechizzando e sanzionando l'autore.
  • parcheggio selvaggio
  • via Raffaello
Altri contenuti a tema
Se questo è parcheggiare... Se questo è parcheggiare... Inchiesta fotografica: i tanti esempi del parcheggio selvaggio a Terlizzi
Se questo è un centro storico Se questo è un centro storico Parcheggi selvaggi accanto alla Cattedrale, pavimentazione danneggiata e mura annerite dai gas di scarico
© 2001-2020 TerlizziViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TerlizziViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.