Gero Grassi vaccino antiCovid
Gero Grassi vaccino antiCovid
Cronaca

Gero Grassi vaccinato contro il Covid: «Non ho tolto il posto a nessuno»

Numerose le critiche ricevute dall'ex deputato dem

È stato sollevato un discutibile polverone sulla vaccinazione anti-Covid ricevuta dal terlizzese Gero Grassi, ex deputato del Partito Democratico, martedì scorso, 5 gennaio, all'Istituto Tumori di Bari "Giovanni Paolo II".

È giusto sin da subito precisare che Grassi, 62 anni, è subentrato alla rinuncia di un'altra persona a sottoporsi al vaccino. Sebbene, quindi, ricopra il ruolo di Presidente del Consiglio di Indirizzo e Verifica (CIV) all'interno della struttura oncologica, pare difficile condividere i biasimi che lo reputano un privilegiato.

Il caso è stato riportato da diverse testate (edizioni locali di "Repubblica" e "Il Quotidiano Italiano") le quali rendono nota la replica del nostro concittadino alle tante critiche subite per il fatto di non essere in prima linea ad affrontare l'emergenza sanitaria.

«L'altro ieri, mentre era in corso la vaccinazione, si è creato un vuoto, qualcuno ha rinunciato per sua scelta, trattandosi di una decisione su base volontaria, mi hanno chiesto se volessi essere vaccinato e ho accettato, peraltro ero anche preoccupato, come chiunque altro, poi non ho sentito niente, non c'è stato alcun problema ed è andato tutto benissimo. In Asl ieri hanno vaccinato il personale amministrativo, non i degenti».

Dunque, stando alle parole dell'ex onorevole, il vaccino gli è stato proposto, affinché non andasse inutilizzato se non si fosse trovato per tempo un altro soggetto disponibile.

«Non ho tolto il posto a nessuno. Le disposizioni, che non ho fatto io, prevedono la vaccinazione di tutto il personale e poi dei malati, quel vaccino che hanno somministrato a me non lo avrebbero potuto dare a un paziente. Quanto a chi dice che non sono esposto, personalmente sono a contatto tre volte a settimana con personale sanitario, dipendenti, malati presenti in istituto».

All'Istituto Tumori le vaccinazioni sono state pianificate da qualche giorno, a partire dal 31 dicembre: il 1° gennaio è toccato a quindici operatori sanitari, fra medici, infermieri e personale addetto; dal 4 gennaio, tutti i giorni dalle 15 alle 18, sono in programmazione le altre somministrazioni. L'obiettivo è di assicurare, entro la seconda metà di gennaio, la copertura vaccinale per i lavoratori del nosocomio e delle aziende esterne che vi entrano in contatto.
  • Gero Grassi
  • Vaccino Covid
Altri contenuti a tema
Rallentamenti vaccini, Conte alle case farmaceutiche: «Ricorreremo a tutti gli strumenti e a tutte le iniziative legali» Rallentamenti vaccini, Conte alle case farmaceutiche: «Ricorreremo a tutti gli strumenti e a tutte le iniziative legali» Dopo quelli con Pfizer-BioNTech, problemi anche con AstraZeneca
1 Zullo: «I medici di base di Ruvo, Corato e Terlizzi costretti a vaccinarsi a Bari» Zullo: «I medici di base di Ruvo, Corato e Terlizzi costretti a vaccinarsi a Bari» Si conferma una situazione paradossale che sta facendo parlare a livello regionale
Coronavirus: i medici di famiglia di Terlizzi attendono ancora di vaccinarsi Coronavirus: i medici di famiglia di Terlizzi attendono ancora di vaccinarsi Ancora nessun riscontro dal Distretto 2 (Corato, Ruvo e Terlizzi)
Vaccinato contro il Covid anche Luigi Volpe. Era stato positivo al virus Vaccinato contro il Covid anche Luigi Volpe. Era stato positivo al virus L'operatore sanitario al momento della somministrazione: «Dopo la paura, la speranza e infine la ripartenza»
Vaccino Covid: somministrate 17.721 dosi in Puglia Vaccino Covid: somministrate 17.721 dosi in Puglia Si tratta del 55,9% delle dosi consegnate. In Italia sono 307.182 le persone che hanno effettuato la prima vaccinazione
Sono oltre 10mila le vaccinazioni contro il Covid-19 in Puglia Sono oltre 10mila le vaccinazioni contro il Covid-19 in Puglia Utilizzato il 40,3% delle dosi Pfizer-BioNTech consegnate. Lazio ancora capofila in Italia
In Puglia vaccinate 6.208 persone, pari al 26,3% delle dosi consegnate In Puglia vaccinate 6.208 persone, pari al 26,3% delle dosi consegnate In Italia hanno ricevuto la prima somministrazione 118.036
In Puglia sono 4.607 le persone vaccinate contro il Covid-19 In Puglia sono 4.607 le persone vaccinate contro il Covid-19 Si tratta del 17,8% delle dosi consegnate. In Italia la regione più rapida è al momento il Lazio
© 2001-2021 TerlizziViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TerlizziViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.